Se hai fastidi alla bocca dello stomaco potresti avere un’ernia iatale. Ecco perché devi conoscerne i sintomi e non devi mai sottovalutarla

Avere fastidi ricorrenti alla bocca dello stomaco, oltre che molto fastidioso, può essere davvero allarmante ed essere la spia di una patologia davvero grave. Possono essere davvero tantissimi i motivi di questi fastidi, e per questo è bene non sottovalutare nessun tipo di dolore e rivolgersi al medico per fare tutte le analisi del caso e risalire alle cause di questa patologia.

hai questi fastidi e dolori alla bocca dello stomaco? potrebbe trattarsi di ernia Iatale e non di altro

Tra i tanti motivi che possono causare questi disturbi allo stomaco c’è anche l’ernia iatale, ovvero l’erniazione di parte dello stomaco attraverso un’apertura del diaframma. E’ bene saperla riconoscere per comprendere a fondo la malattia.

L’ernia iatale, come riconoscere i sintomi e perché non devi mai sottovalutarla

hai questi fastidi e dolori alla bocca dello stomaco? potrebbe trattarsi di ernia Iatale e non di altro

Tra le conseguenze dell’ernia c’è sicuramente il reflusso esofageo, che provoca bruciore di stomaco, difficoltà a deglutire, tosse e alitosi. Si può avere anche gonfiore e nausea, o avere difficoltà a deglutire. L’ernia, se non particolarmente grande, può anche non avere sintomi o manifestare il reflusso. A molti viene diagnosticata durante esami casuali. Non si conosce quali siano le cause della sua comparsa, ma si pensa che possa essere dovuta alla debolezza muscolare o ad un aumento di pressione nell’addome, in seguito a tosse, vomito, sforzi. Fattori di rischio sono obesità e fumo di sigaretta.

Si tratta di un problema che con un po’ di accortezza può essere gestito e che non deve allarmare. Con una dieta adatta e eventualmente il ricorso a farmaci si può convivere perfettamente con il problema. Solo nei casi peggiori si valuta un eventuale intervento chirurgico.

Per quanto riguarda la dieta, oltre a dimagrire in caso di sovrappeso e a smettere di fumare, è bene consumare tanti piccoli pasti piuttosto che pochi pasti abbondanti, e andare a letto almeno due-tre ore dopo il pasto. Rialzare il cuscino, per evitare che gli acidi risalgano. Nella propria alimentazione meglio  evitare caffeina, cioccolato e cibi ricchi di grassi, oltre alle bibite gasate. Si a pasta, riso e frutta.

E’ bene però in caso si manifestino questi sintomi andare dal medico e verificare che siano effettivamente legati all’ernia iatale. Dolori allo stomaco o al torace, e bruciore allo sterno sono anche sintomi di importanti patologie cardiache, meglio quindi non sottovalutare il problema se si notano peggioramenti