Sono in molti a chiedersi se la variante omicron possa essere presa due volte. Ecco cosa dicono i dati in nostro possesso emersi da uno studio condotto dai ricercatori dello Statens Serum Institute di Copenaghen.

Quella Omicron è la variante identificata per la prima volta a novembre 2021 in Sud Africa. In questi mesi è risulta essere più contagiosa delle altre tant’è che si è registrato un picco della curva dei contagi proprio a causa dell’elevato numero di contagi.

Variante omicron ci si può contagiare di nuovo, ecco come accade e perché

Trattandosi di una variante molto contagiosa, ci si chiede se si possa contrarre due volte. Ecco cosa dice uno studio condotto al riguardo da un gruppo di ricercatori danese.

Variante omicron, ci si può contagiare di nuovo: ecco cosa dice uno studio

Variante omicron ci si può contagiare di nuovo, ecco come accade e perché

In particolare, gli studiosi hanno voluto analizzare la possibilità per chi ha contratto la variante Omicron di contrarre la variante gemella: BA.2

Ad essere selezionati sono stati poco meno di 2 milioni di campioni di casi di infezioni verificatesi nel periodo di tempo compreso tra 22 novembre 2021 e l’11 febbraio 2022. Successivamente sono stati individuati i soggetti che presentavano due campioni con esito positivo. Questi, peraltro, si sono verificati in un periodo di tempo compreso tra i 20 e 60 giorni di distanza da quella che è stata la prima e poi la seconda infezione. Nello specifico, su 187 casi sono stati individuati 47 casi di reinfezione dalla variante gemella della Omicron, in seguito ad una infezione da BA.1.

Leggi anche: QUAL E’ LA VARIANTE DOMINANTE OGGI? LA RISPOSTA DIRETTAMENTE DAGLI OSPEDALI

Oltre a ciò, i dati raccolti dal gruppo di studiosi ha fatto sapere che dei 47 casi:

  • l’89% non erano soggetti vaccinati;
  • il 6% si era sottoposto al vaccino due volte;
  • il 4% si era sottoposto ad una sola dose.

Leggi anche: COME CAPIRE SE HAI CONTRATTO LA VARIANTE OMICRON O DELTA, ECCO I SINTOMI

In riferimento a quelli che sono i sintomi relativi alla reinfezione, questi sono risultati essere in sostanza i medesimi che si sono rilevati con la prima infezione. Per di più, tra le persone colpite, la fascia di età in cui si sono registrati il maggior numero di casi è quella al di sotto dei 30 anni.

Variante omicron ci si può contagiare di nuovo, ecco come accade e perché