Ecco chi può richiedere la tanto attesa e desiderata Carta acquisti per l’anno 2022. Un aiuto importante per molti cittadini. 

La carta acquisti è un bonus che ha un valore di 40 euro al mese e viene ricaricata in automatico ogni due mesi con 80 euro. Per richiederla bisogna presentarsi in un ufficio postale con i documenti i corso di validità ed è completamente gratuita per il cittadino.

Non tutti la possono ricevere, ci sono dei limiti di età e dei limiti dati dall’ISEE (l’indicatore della situazione economica equivalente) che permette di misurare la condizione economica delle famiglie. E’ un indicatore che tiene in considerazione il reddito, il patrimonio e le caratteristiche del nucleo familiare.

Carta acquisti 2022: i requisiti per richiederla

Come detto prima richiedere la Carta acquisti è facile, ma bisogna rispettare i due parametri e recarsi in un ufficio postale. Se la domanda presentata avrà esito positivo allora
il titolare verrà contattato per ritirarla presso l’ufficio dove ne ha fatto richiesta. Si riceverà una lettera o un codice sul cellulare come messaggio.

La carta che funziona come una normale carta di pagamento può essere utilizzata per fare acquisti nei negozi di alimentari, nella parafarmacie e farmacie, ma anche per pagare le bollette del gas e della luce. Ci sono poi sconti anche del 5% in alcuni negozi ed in alcune farmacie dove sarà possibile anche chiedere un controllo del peso e della pressione in modo del tutto gratuito.


LEGGI ANCHE: Bonus 1000 euro per le spese del 2021, come fare domanda


Chi può richiedere la carta acquisti

La Carta acquisti può essere richiesta dai genitori di bambini che hanno un’età inferiore ai tre anni o per i cittadini over 65 anni. Inoltre, dal 1° gennaio 2022 il valore ISEE sale a 7.120,39 euro per le richieste relative a minori di 3 anni, stesso parametro previsto per gli over 65.

Nel dettaglio:

  • per i cittadini nella fascia di età dei minori di anni 3, valore massimo dell’indicatore ISEE pari a euro 7.120,39;
  • per i cittadini di età compresa tra i 65 e i 70, valore massimo dell’indicatore ISEE pari a euro 7.120,39 e importo complessivo dei redditi percepiti non superiore a euro 7.120,39;
  • per i cittadini nella fascia di età superiore agli anni 70, valore massimo dell’indicatore ISEE pari a euro 7.120,39 importo complessivo dei redditi percepiti non superiore a euro 9.493,86.

Inoltre bisogna essere un cittadino italiano o un cittadino della comunità europea, per i minori di tre anni almeno uno dei due genitori deve avere questo requisito.


LEGGI ANCHE: Bonus Nido 2022: le istruzioni per richiederlo in un tutorial semplice dell’INPS


E’ anche necessario non essere, da solo o insieme all’esercente la potestà genitoriale/soggetto affidatario e all’altro esercente la potestà genitoriale/soggetto affidatario:

  • proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 25 per cento, di più di un immobile ad uso abitativo;
  • intestatario/i di più di una utenza elettrica domestica;
  • proprietario/i di più di due autoveicoli;
  • intestatario/i di più di due utenze del gas;
  • proprietario/i, con una quota superiore o uguale al 10 per cento, di immobili non ad uso abitativo;
  • intestatario/i di più di una utenza elettrica non domestica;
  • titolare/i di un patrimonio mobiliare, come rilevato nella dichiarazione ISEE, superiore a 15.000 euro ovvero.