Avete mai avuto a che fare con un cavolo nero? Vi svelo come si pulisce!

Ecco tutto quello che dovreste sapere sul cavolo nero, consigli e trucchetti per pulirlo e cucinarlo al meglio!

Una delle verdure più utilizzate durante i mesi invernali è proprio il cavolo nero. Questa tipologia di cavolo è molto conosciuta e diffusa nel nostro paese, inoltre proprio febbraio è il suo periodo. Il cavolo nero è un tipo di verdura a foglia verde appartenente alla famiglia delle Brassicacee, la stessa famiglia del cavolfiore, il cavolo cinese, il cavolo cappuccio, i broccoli e la verza.

cavolo nero

Negli anni pare che questa tipologia di verdura sia diventata molto famosa e chiacchierata fra gli svariati chef rinomati del paese. Inoltre essa è una di quelle che contiene maggiori quantità di vitamine, sali minerali, flavonoidi in grado di contrastare i radicali liberi.

Inoltre questo alimento povero di grassi e zuccheri è consigliato proprio perchè possiede proprietà antiossidanti, in grado di depurare l’intestino e l’intero organismo da scorie e sostanze dannose. Infine è un valido diuretico, consigliato per chi è affetto da diabete e varie patologie fisiche.

LEGGI ANCHE: Cornuti, esiste anche la pasta dedicata a voi ed è buonissima: i trucchi per farla perfetta!

Come pulire e scegliere il cavolo nero!

cavolo nero

La prima cosa che bisogna fare è la scelta giusta del cavolo nero durante l’acquisto. Infatti la verdura non dovrà avere foglie e macchie gialle o marroni. La cottura ideale per questa tipologia di alimento è quella al vapore.

La cottura al vapore è tra le cottura più consigliata quando si vuole cuocere le verdure, visto che verdure non perderanno le loro proprietà caratteristiche e gli svariati benefici essenziali per la regolare funzione dell’organismo.

Non vi resta che munirvi di un coltello, in modo da eliminare la costa centrale. Evitate di tagliare a strisce il cavolo o i loro nutrienti andranno a dissolversi nell’acqua. Questa tipologia di verdura ci impiega di solito massimo 10 minuti per cuocere.

LEGGI ANCHE: Ma voi la conoscete la reale differenza fra il sugo alla genovese e quello napoletano?

Idee alternative per consumare questa verdura!

Dopo la cottura del cavolo è possibile utilizzare l’acqua come prodotto alternativo per le faccende domestiche. Il cavolo nero è possibile mangiarlo sia crudo, magari accompagnato a qualche antipasto sfizioso o insalata fresca e leggera.

Questa verdura è consigliata anche per accompagnare svariate paste gustose, come la pasta con il cavolo e le acciughe, oppure da inserire in qualche centrifugato, zuppa o minestre.

Si alla cottura al forno, se si vuole  avere uno snack sano da utilizzare come spezza fame nella vostra dieta abituale. Infine questa tipologia di verdura è possibile conservarla in frigo per almeno una settimana e potrà  essere conservata in freezer in appositi contenitori termici per qualche mese.

cavolo nero