Come conservare le frappe sempre croccanti a distanza di giorni

Dolci di Carnevale: come conservare le frappe sempre croccanti a distanza di giorni. I consigli utili.

Ci stiamo avvicinando a Carnevale, la festa delle maschere, delle sfilate dei carri allegorici e soprattutto dei dolci. In occasione di questa ricorrenza si preparano tanti dolci di vari tipi, soprattutto fritti e ricoperti di zucchero, semolato o a velo.

frappe chiacchiere

Tra castagnole, cresciole, zeppole e cicerchiata, alcuni dei dolci di Carnevale più diffusi e amati sono le frappe o chiacchiere. Sono i dolci dalla forma allungata e dai bordi smerlati, con due tagli lunghi, paralleli al centro.

Frappe e chiacchiere sono i nomi più comuni e utilizzati in italiano. Tanti sono i nomi regionali, anche con varianti nella ricetta. A Venezia e in alcune zone del Veneto le chiacchiere si chiamano galàni, in Piemonte e Liguria bugie, in altre zone del Nord-Est si chiamano cròstoli, in alcune zone della Toscana cenci e in altre stracci.

Le frappe si preparano mescolando farina, uova, zucchero, burro, lievito per dolci, un po’ di latte, del limone grattugiato, della vaniglia, del rum o anice e un pizzico di sale. Si forma una pasta che poi si taglia per lungo, in rettangoli, con una rotella smerlata. Quindi si frigge tutto, si scolano le chiacchiere su carta assorbente e poi si spolverano con lo zucchero a velo.

Secondo alcune ricette, prima di essere fritte, le strisce di pasta vengono girate e avvolte in un nodo. Una volta fritte, vediamo come conservare le frappe al meglio se non le consumiamo subito.

Come conservare le frappe sempre croccanti a distanza di giorni

frappe chiacchiere

Le frappe o chiacchiere di Carnevale sono buone appena fritte e cosparse di zucchero. Sono fragranti, croccanti, profumate e saporite. Alle volte, può capitare di averne fritte tante e di non consumarle tutte subito. Che fare in questi casi per conservarle bene e soprattutto croccanti?

Esistono diversi sistemi. Alcuni ci sono stati tramandati dalle nostre nonne, esperte nel preparare e friggere i dolci.

LEGGI ANCHE: Il segreto per fare delle chiacchiere di carnevale pazzesche

In genere, le chiacchiere fritte vanno consumate entro un paio di giorni. Se lasciamo passare troppo tempo, infatti, rischiano di perdere consistenza, diventare troppo morbide e cambiare sapore.

Per mantenerle saporite e croccanti è bene che le frappe stiano il meno possibile all’aria e dunque siano conservate all’interno di un contenitore o di un sacchetto.

Potete metterle dentro un grande barattolo di vetro, come quelli per i biscotti, facendo attenzione a non romperle, oppure sotto un copritorta sempre in vetro.

Un altro metodo di conservazione è il sacchetto di plastica per alimenti da sigillare con chiusura a cerniera.

LEGGI ANCHE: Chiacchiere di Carnevale perfette, ecco gli errori da non fare mai!

Il metodo migliore, però, che ci viene dalle nostre nonne, è quello di conservare le frappe fritte all’interno del sacchetto di carta per il pane. La carta è un materiale naturale che permette l’assorbimento dell’olio e la traspirazione.

frappe chiacchiere