Smart working è destinato a cambiare da qui al 31 marzo: ecco cosa prevede

Il 31 marzo è alle porte è molte aziende dovranno decidere cosa cambiare e come continuare nel mondo del lavoro, ma cosa cambierà per lo smart working?

Il nodo smart working sta per essere sciolo e dal 31 marzo del 2022 le aziende dovranno scegliere in che direzione andare, allo stesso modo anche i lavoratori potranno fare le loro proposte al fine di avviare un nuovo percorso o ritornare alla formula lavorativa pre Covid.

Smarrt working dal 31 marzo 2022 - Nonsapeviche
Smarrt working dal 31 marzo 2022 – Nonsapeviche

Sono molti gli imprenditori che si sono espressi sul noto smart working, spiegando come questo abbia permesso a numerosi di loro di rivedere la struttura della propria azienda, notando anche un cospicuo risparmio nel limitare gli impiegati in azienda: alcuni in casa allo smart working puro, altri gestendosi con una formula ibrida e infine coloro per cui la presenza sul posto di lavoro è necessaria.

Cosa cambia dopo il 31 marzo 2022?

Questa è la domanda che negli ultimi giorni la fa da padrona dopo l’annuncio relativo a un rientro delle misure di sicurezza e la fine dello stato di emergenza, reso necessario a seguito della pandemia da Covid-19.

Smarrt working dal 31 marzo 2022 - Nonsapeviche
Smarrt working dal 31 marzo 2022 – Nonsapeviche

Il rapporto con il virus ha anche cambiato il rapporto con il lavoro e, sempre più aziende, sperano di poter aprire un piano di lavoro e continuare anche dopo il 31 marzo la formula dello smart working, auspicando in una formula ibrida. Al momento, però, si tratta solo di supposizioni in attesa di capire davvero cosa cambierà in tal senso dopo la fine dello stato di emergenza.

LEGGI ANCHE: Tampone fai da te: ecco come funziona

LEGGI ANCHE: Ecco perché non dovresti mai mangiare l’aglio cotto, potrebbe succederti questo

Le parole di Marco Montemagno

A rompere il silenzio sul nodo smart working è stato anche lo youtuber e scrittore Marco Montemagno che, al sito Takom.at, parlando del tema in questione ha dichiarato: “Ad oggi lo smart working è molto legato al concetto di lavorare in qualunque situazione. Entrando più nel merito, per me smart working significa lavorare in maniera non solo efficiente ma anche efficace, dove efficiente significa fare le cose nel modo giusto, ed efficace significa fare la cosa giusta”.

Smarrt working dal 31 marzo 2022 - Nonsapeviche
Smarrt working dal 31 marzo 2022 – Nonsapeviche

Marco Montemagno, in seguito, ha poi concluso con la seguente osservazione: Per cui questo della consapevolezza degli obiettivi è un tema molto importante. Ogni azienda è diversa, ogni professionista è diverso, mentre spesso noto un approccio troppo standard in questo genere di strumenti”.