Il 2022 segna dei cambiamenti per quanto riguarda la Tari, la tassa sui rifiuti. Scopriamo insieme quali sono le novità.

Le novità riguardano diversi aspetti e in particolare le modalità di pagamento, quelle di richiesta del rimborso in caso di importi non dovuti e quelle di ritiro dei rifiuti in base alla chiamata.

Tari, come cambia la tassa sui rifiuti nel 2022: ecco cosa sapere

Ecco tutte le novità che riguardano la Tari a partire dall’anno appena iniziato.

Tari: ecco tutte le novità in merito alla tassa sui rifiuti

Per coloro che versano in condizioni economiche particolarmente al limite, è prevista la possibilità di pagare la tassa in esame in comode rate.

A tal proposito, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, Arera, ha previsto la possibilità di rateizzazione dei pagamenti dall’importo minimo di 100 euro e che la riscossione abbia una periodicità almeno annuale.

Non solo, tale possibilità è prevista per coloro che dichiarino di essere beneficiari del bonus sociale previsto per il settore idrico ed elettrico e destinato a chi versa in condizioni economiche precarie.

Leggi anche: RACCOLTA DIFFERENZIATA: LE ETICHETTE NON CORRISPONDONO, ATTENZIONE

In riferimento ai rimborsi non dovuti, in questo caso, sarà compito dei gestori di garantire agli utenti la possibilità di avanzare la richiesta di verifica degli importi addebitati e, dunque, l’eventuale rettifica degli stessi. In particolare, dovrà essere prevista un preciso iter volto a gestire le richieste elative alla rettifica degli importi. Oltre a ciò, saranno da rispettare dei tempi ben precisi in modo tal ed garantire agli utenti uno standard elevato.

Tari, come cambia la tassa sui rifiuti nel 2022: ecco cosa sapere

Leggi anche: RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI IN CONDOMINIO: COME VA FATTA

In particolare, tra il 70 e il 90 per cento di prestazioni dovrà essere garantita l’accoglimento delle richieste in un tempo massimo di 60 giorni lavorativi. Sempre nell’ottica di garantire il rispetto degli standard obbligatori, inoltre, saranno da garantire continuità, sicurezza e regolarità relativamente alla raccolta dei rifiuti. Infine, tutti i gestori impegnati nella raccolta dovranno munirsi di un numero verde che avrà lo scopo di accogliere eventuali segnalazioni da parte dei cittadini. Il predetto numero dovrà essere attivo 24 ore su 24 e potrà essere raggiunto sia tramite rete fissa che mobile. Ciò detto, si tratta di importanti modifiche che sono state introdotte per aiutare le famigli che versano in condizioni economiche disagiate nel pagamento della Tari.

Tari, come cambia la tassa sui rifiuti nel 2022: ecco cosa sapere