Per alcuni le scuole dovrebbero rimanere ancora chiuse, e sono fonti molto autorevoli. Ecco i motivi per cui si dovrebbero recuperare questi giorni a luglio.

Dopo l’avvento dell’epidemia da Covid 19, molte cose sono cambiate, non solo nella società ma anche nella vita di tutti i giorni. Infatti anche le persone sono cambiate, dovendo abituarsi ad un diverso stile di vita.

Scuole chiuse e prolungamento a giugno

Dopo i vari lockdown, il governo ha deciso di adottare le uniche due soluzioni disponibili per mandare andare avanti il paese senza il rischio di una nuova ondata: la DAD e lo Smart working.

Queste due soluzioni erano le uniche in grado di continuare con la produttività, anche perché molti mesi i bambini non hanno potuto frequentare e i genitori lavorare. È proprio in merito alla scuola, che molte persone stanno pensando e chiedendo al governo di ritardarne l’apertura, per poi recuperare i giorni in estate.

LEGGI ANCHE: Lo smart working prevede lo stesso stipendio se lavori da casa, ma bisogna prima avere un accordo

Scuole chiuse: perché non dovrebbero aprire?

Scuole chiuse e prolungamento a giugno

Le scuole sono il pilastro della società, poiché aiutano a formare e scolarizzare i dirigenti e lavoratori di domani. Purtroppo però in questo momento potrebbero essere un ottimo modo per aumentare i contagi, facendo collassare il sistema sanitario.

Infatti dopo le feste di Natale, molte famiglie hanno deciso di passare il Natale con i propri cari e i propri amici, come si faceva negli anni passati. Purtroppo però, molte persone sono tornate dai cenoni infette da Covid. Perché hanno passato le feste con un contagiato, che magari neanche sapeva di esserlo!

Per questo motivo i medici hanno chiesto al governo di ritardare il normale rientro a scuola dopo i normali giorni festivi, ad esempio dopo la settimana di Pasqua. Questi 15 giorni infatti, potrebbero servire per riuscire ad individuare i nuovi positivi prima del loro rientro a scuola.

LEGGI ANCHE:  Un buono spesa per chi lavora da casa? Per reintegrare i consumi non sarebbe male!

Il governo decide di non fare marcia indietro!

Anche se i medici vorrebbero riuscire a farsi ascoltare dal governo, sembra che quest’ultimo non voglia nuovamente finire in periodi in cui il paese si fermi, e che potrebbe costare a tutti.

Il governo però vorrebbe mantenere le scuole aperte normalmente. Poiché il paese sembra essersi quasi ripreso e inoltre con i vaccini e l’esperienza di quest’anno, avremmo comunque gli strumenti giusti per combattere nuovi contagi.

Le misure del governo per contrastare la pandemia sono state necessarie fino ad adesso, e potrebbero esserle anche in futuro se la situazione dovesse peggiorare nuovamente.

Scuole chiuse e prolungamento a giugno