Siete amanti del sushi e del pesce crudo e vorreste cimentarvi nella preparazione di qualche piatto giapponese? Siete nel posto giusto: ecco cosa dovrete fare!

La cultura giapponese si è diffusa a macchia d’olio negli anni tanto che moltissimi paesi seguono molto i loro modi di fare, il cibo e molto altro ancora. Le pietanze che vi vogliamo proporre oggi non sono nient’altro che il sushi e il sashimi.

 

Per sushi si intende aspro, infatti nelle cucine giapponesi ciò che colpisce fin da subito e la vastità di salse dal sapore deciso e forte che si sposano benissimo con il pesce e le varie verdure scelte. Il sushi non è nient’altro che pesce crudo o cotto avvolto in uno strato generoso di riso, alghe nori e verdure e frutta a piacere.

In sashimi invece non si tratta altro che fettine di pesce crudo, di solito il più amato è il salmone, il tonno, ma è possibile trovare nei vari ristoranti anche la seppia, il branzino, la sogliola o molto altro ancora!

LEGGI ANCHE: Sushi e cibo giapponese: come riconoscere maki, uramaki e tamaki

Ecco la ricetta originale per piatti giapponesi a regola d’arte!

 cena giapponese

Ingredienti per 6 persone:

  • Riso per sushi 500 g
  • Acqua 500 g
  • Aceto di riso 150 g
  • Sale fino 38 g
  • Zucchero 60 g

Ingredienti per la farcitura:

  • 3 avocado maturi
  • 500 grammi di salmone, tonno o quello che si preferisce;
  • cetriolo e carota;
  • cipolla croccante q.b;
  • 40 grammi Philadelphia;
  • semi di sesamo;
  • salsa teriyaki e salsa di soia.

Procedimento:

Per prima cosa è importante risciacquare più volte il riso finché l’acqua risulterà trasparente e non torbida. Una volta ripulito lasciatelo in ammollo per qualche ora prima di cuocerlo, a questo punto non vi resta che cuocerlo inserendo in una pentola alta il riso e l’acqua.

Coprite il riso e lasciatelo cuocere finché quest’ultimo non bollirà, dopodiché abbassate il fuoco e cuocete il riso fin quando non risulterà al dente, solo in quel momento la cottura sarà ottimale.

Lasciatelo riposare in pentola con il suo apposito coperchio, ora è arrivato il momento di realizzare il liquido che conferirà al riso il sapore dolciastro. In un pentolino inserite l’aceto di riso, lo zucchero e il sale e lasciatelo cuocere fin quando entrambe le componenti solide non si saranno disciolte del tutto nell’aceto.

A questo punto disponete il riso in un contenitore bassa, magari in legno e non in metallo e versate all’interno la soluzione preparata pocanzi. Non vi resta che mescolare per bene finché il riso non risulterà lucido.

Con l’aiuto di una stuoia in bamboo posizionate l’alga nori e disponete sopra il riso piano piano lasciando dello spazio sia di lato, sopra e sotto dell’alga, conditela come più preferite inserendo gli ingredienti al centro dell’alga.

Non vi resta che richiuderla con l’aiuto della stuoia realizzando dei rotoli. Il sushi è pronto, vi basta solo tagliarlo e guarnirlo con dell’avocado, della tartare di salmone, dei semi di sesamo e qualche salsa prettamente giapponese.

LEGGI ANCHE: Pochi sanno riconoscere il salmone di qualità: ecco cosa lo differenzia!

Consigli e trucchetti per non sbagliare!

Per far si che il riso non si attacchi alla stuoia o alle mani si consiglia di bagnarle in acqua corrente spesso e volentieri, vi faciliterà molto questa operazione.

Si consiglia di fare lo stesso con il coltello con cui andrete a tagliare il pesce e si raccomanda di utilizzare un coltello a lama seghettata e non liscia, o rischierete di rovinare il prodotto appena realizzato.

Infine per rendere ancora più veloce il lavoro, si consiglia di ricoprire la stuoia di bamboo con dell’abbondante pellicola trasparente da cucina, in modo che i vari ingredienti potranno scorrere lisci.

 cena giapponese