Il sushi, così come il cibo giapponese in generale, in questi è sicuramente tra i più apprezzati. Non tutti sanno, però, qual è la differenza tra maki, uramaki e temaki.

Sushi e cibo giapponese: come riconoscere maki, uramaki e tamaki

Il sushi è un piatto tipico del Giappone che prevede l’utilizzo di alcuni ingredienti principali tra cui il riso, alghe, pesce, uova. E’ possibile preparare un gran numero di preparazioni: cotte, crude o marinate.

Ognuna di esse si distingue per le tecniche e gli ingredienti utilizzati. Tra le varietà che comunemente sono servite nei ristoranti di cucina giapponese ci sono:

  • maki;
  • uramaki;
  • temaki.

Scopriamo insieme quali sono le differenze.

Sushi: ecco le differenze tra maki, uramaki e temaki

Maki non sono altro che dei rotolini di riso preparati con alga nori e l’aggiunta di verdure e pesce.

Sul menù dei ristoranti che servono sushi è possibile trovare delle varianti che prendono il nome di Futomaki e Hosomaki, a seconda degli ingredienti con cui sono preparati.

Leggi anche: MANGIARE SUSHI FA INGRASSARE: LA VERITA’ SU QUESTO PIATTO MOLTO AMATO

Sushi e cibo giapponese: come riconoscere maki, uramaki e tamaki

In riferimento invece agli uramaki questi si distinguono per il fatto che presentano l’alga nori all’interno e non all’esterno. Il riso, dunque, si trova esternamente e molto spesso è costellato di semi di sesamo.

Tra gli ingredienti che comunemente sono utilizzati ci sono:

  • polpa di granchio;
  • avocado;
  • salmone;
  • tonno.

Sushi e cibo giapponese: come riconoscere maki, uramaki e tamaki

Infine, ci sono i Temaki che presentano la caratteristica forma a cono. In genere, è realizzato con ingredienti tipici e quindi con alga nori, riso, pesce o verdure.

Questa preparazione si caratterizza per la croccantezza. I temaki, infatti, devono essere mangiati non appena vengono preparati poiché il contatto con il riso potrebbe ammorbidire eccessivamente l’alga, inficiandone il sapore.

Leggi anche: COME USARE LE BACCHETTE DEL SUSHI: I PASSI PER IMPARARE

Ciò detto, si tratta in tutti e tre i casi di ricette molto simili soprattutto per quanto riguarda l’uso degli ingredienti. La differenza sostanziale è rappresentata dalla tecnica utilizzata che come abbiamo visto presenta delle differenze.

Sushi e cibo giapponese: come riconoscere maki, uramaki e tamaki