E’ disponibile anche in Italia la pillola antivirale per curare il Covid a casa in soli 5 giorni per i pazienti con sintomi meno gravi. Ecco come funziona il trattamento che previene le ospedalizzazioni.

[caption id="attachment_39695" align="alignnone" width="1280"]Pillola anti covid Donna foto creata da stockking – it.freepik.com[/caption]

Si chiama Molnupiravir ed è la prima pillola antivirale di Merck che servirà a trattare i sintomi dei pazienti meno gravi affetti da Covid. E’ disponibile anche in Italia e verrà distribuito alle Regioni. La sua funzione è quella di ridurre il numero di ospedalizzazioni e permettere la guarigione a casa, ma non sostituisce il vaccino. Ecco come funziona.

Come agisce la pillola che cura il Covid a casa

[caption id="attachment_39696" align="alignnone" width="740"]Pillola anti covid Pillola anti covid[/caption]

Dopo la valutazione esperta dell’Aifa, la Commissione tecnico scientifica dell’Agenzia italiana del farmaco, a dicembre scorso, la nuova cura per contrastare il virus SARS-CoV-2 è disponibile per il trattamento domestico della malattia per persone che presentano sintomi lievi.

LEGGI ANCHE >>> Nonostante il vaccino ancora morti dopo la seconda dose: ecco perchè

Il Molnupiravir deve essere assunto per via orale nei pazienti affetti da Coronavirus entro 5 giorni dall’insorgenza dei sintomi. La cura dura 5 giorni e la posologia è di 4 pillole per due volte al giorno. Il farmaco non è consigliato per donne in gravidanza o nel periodo dell’allattamento, il quale deve essere interrotto in caso di trattamento sia durante che fino a 4 giorni dopo il termine della cura.

Saranno i medici di famiglia a decidere di volta in volta la necessità di utilizzare il Molnupiravir e in una fase iniziale sarà disponibile nelle farmacie ospedaliere, poi anche in quelle autorizzate, a costo zero per il paziente.

LEGGI ANCHE >>> Il vaccino Novavax può fare la differenza: ecco perché

La sua funzione è proprio quella di evitare un aggravamento delle condizioni dei malati da Coronavirus, specialmente di quelli più fragili come gli anziani o coloro che sono affetti da altre patologie. Non è considerato un’alternativa alla vaccinazione e la sua durata d’azione resta limitata: infatti la concentrazione dei principi attivi nel tempo diminuisce fino a essere totalmente eliminata dall’organismo dopo un paio di giorni. Al contrario il vaccino ha un’azione sul sistema immunitario e assicura la sua efficacia protettiva per mesi contro il virus.