Non gettate via le bucce d’arancia perché commettereste un grave errore. Non crederete ai vostri occhi, sono davvero buone da mangiare!

Con le bucce d’arancia è possibile realizzare una serie di prodotti naturali per la casa e cibi. Infatti con le bucce d’arancia è possibile realizzare dei profumatori per l’ambiente, candele, dei contenitori del tutto ecologici e biodegradabili, cosmetici e molto altro ancora.

bucce d'arancia

In questo caso in vista del capodanno è possibile utilizzare le bucce d’arancia candite. Uno dei prodotti più utilizzati nei pandori, in dolci tipici campani come gli struffoli e molti altri dolci gustosi e sfiziosi che potrete realizzare.

I canditi infatti non sono altro che scorze caramellate ed è possibile idearle e prepararle in casa facilmente con pochi e semplici ingredienti. Non vi resta che seguire la ricetta pari passo così da decorare torte, dolci o come snack spezza fame.

LEGGI ANCHE: Della frutta non si scarta nulla: ecco quali sono le bucce da riutilizzare!

Come utilizzare le bucce d’arancia in cucina per realizzare le arance candite in pochi e semplici step!

bucce d'arancia

Per la realizzazione di questa ricetta con le scorze d’arance occorrono:

Ingredienti:

  • scorze di 4 arance;
  • acqua a temperatura ambiente;
  • zucchero in base al peso delle arance.

Procedimento:

  1. Per prima cosa tagliate a listarelle o a cubetti le scorze d’arancia e disponetele in ammollo in un contenitore capiente. L’ideale sarebbe quello di lasciarle in acqua per almeno una settimana, cambiando l’acqua di tanto in tanto e coprendole con della carta assorbente o quello che si preferisce.
  2. Si consiglia di tenerle in un lungo asciutto, privo di umidità e da fonti di calore elevate. Trascorso il tempo necessario, sgocciolate per bene le scorze d’arancia e disponetele in una padella o una pentola bella capiente.
  3. A questo punto aggiungete l’acqua e lo zucchero che dovranno avere lo stesso peso delle arance, lasciando cuocere i tre ingredienti per almeno 15-20 minuti finché l’acqua e lo sciroppo non verranno prosciugati del tutto.
  4. Una volta cotte le scorze non vi resta che disporle su una teglia distanziandole tra di loro lasciandole asciugare e raffreddare per bene per almeno un ora e mezza. Infine potrete conservarle in appositi barattoli di vetro per almeno 6 mesi. Si consiglia di applicare un’etichetta così da ricordarvi quando le avete realizzate.

LEGGI ANCHE: Come preparare i canditi di frutta alla perfezione: i consigli utili

bucce d'arancia