Sono un alimento pregiato e frutti di mare unici, che potete proporre sulla tavola delle vostre feste: parliamo dei cannolicchi. Ecco dove trovarli e come prepararli.

[caption id="attachment_38943" align="alignnone" width="1280"]Cannolicchi, frutti di mare Cannolicchi, frutti di mare[/caption]

Sono frutti di mare particolari, perfetti da servire sulle tavole delle feste in diverse ricette sfiziose: sono i cannolicchi. Conosciuti anche con il nome di cappelunghe, sono molluschi che si trovano nella sabbia.

La loro unicità risiede nella conchiglia protettiva che ha forma quadrangolare. La loro pesca è regolamentata e soggetta a restrizioni in determinati periodi dell’anno. Per questo sono pregiati e raffinati. Ma come prepararli e dove trovarli?

LEGGI ANCHE >>> Come si usano le posate per il pesce e i crostacei secondo il galateo

Cannolicchi, dove trovare e come preparare questi frutti di mare

Cannolicchi, frutti di mare
Cannolicchi, frutti di mare

I cannolicchi possono essere acquistati freschi, ossia vivi, in pescheria oppure surgelati e già confezionati. I primi provengono da mari nostrani, generalmente dall’Adriatico e dal Tirreno e sono più costosi e buoni rispetto ai secondi che, invece, arrivano dall’Oceano Atlantico e sono più economici.

Per cucinarli, bisogna prima pulirli come le vongole, ossia vanno fati spurgare, poiché sono dei filtri del mare. Innanzitutto serve eliminare la sabbia trattenuta al loro interno, poi la sacca nera intestinale, che si trova a metà corpo sotto il piede. Una volta puliti, potete preparali come meglio preferite.

I cannolicchi sono ottimi alla piastra o alla griglia, un metodo veloce che ne esalta il sapore di mare. Ma sono molto apprezzati anche gratinati al forno, grazie proprio alla forma della loro conchiglia. Non solo, sono ottimi ingredienti in piatti più complessi come risotti o nella pasta al pari di altri molluschi più utilizzati. Il segreto per cucinarli al meglio è quello di non lasciarli per troppo tempo sul fuoco, al fine di evitare che diventino troppo duri e gommosi.

LEGGI ANCHE >>> Ricci di mare: come si prendono e come si mangiano