Nel nostro paese sono in atto dei focolai di influenza aviaria. Ecco quali sono le zone d’Italia colpite e quali sono i rischi a cui può andare incontro l’uomo.

Influenza aviaria: i focolai in atto e i rischi per l'uomo

L’influenza aviaria costituisce una malattia che colpisce i volatili anche quelli domestici come, ad esempio, polli, oche, tacchini.

Essa è causata da diverse tipologie di virus, in particolare quelli di tipo A, che di solito non infettano direttamente l’essere umano.

A tal proposito, infatti, nel corso di questi anni, sono stati registrati alcuni casi anche nell’uomo ma fare da tramite, sono proprio i volatili che possono trasmettere la malattia attraverso:

  • saliva;
  • muco;
  • feci.

Di conseguenza, il contatto diretto con questi animali senza opportune precauzioni può esporre al rischio di contrarre il virus.

Influenza aviaria: ecco i focolai in atto e i rischi per l’essere umano

Influenza aviaria: i focolai in atto e i rischi per l'uomo

Soltanto negli ultimi mesi e nel solo territorio italiano, sono stati soppressi più di 10 milioni di volatili tra polli, tacchini e galline.

Ovviamente, si tratta di numeri piuttosto allarmanti che rendono necessari tutti gli interventi del caso.

Al momento, i casi si sono registrati nelle seguenti province di:

  • Mantova;
  • Verona;
  • Padova,;
  • Lombardia;
  • Emilia-Romagna.

La buona notizia, comunque, è che al momento, il virus che ha interessato gli allevamenti italiani non si è dimostrato particolarmente pericoloso per l’essere umano.

Leggi anche: NATALE IN FAMIGLIA: COME PASSARLO PROTEGGENDO I PIU’ FRAGILI

I casi di influenza aviaria sono stati rilevati anche negli altri paesi europei per cui si è resa necessario un inasprimento delle misure di sorveglianza e di controllo sugli allevamenti avicoli. In particolare, tra i paesi d’Europa colpiti ci sono:

  • Danimarca;
  • Estonia;
  • Finlandia;
  • Germania;
  • Irlanda;
  • Portogallo.

Alla luce di quanto appena detto, attualmente i dati in possesso non rivelano un pericolo imminente per l’uomo anche perchè, i virus si sono dimostrati piuttosto deboli. Tuttavia, è chiaro che l’attenzione in merito deve restare alta per evitare di essere colti impreparati.

Leggi anche: CORONAVIRUS E INFLUENZA: COME RICONOSCERLI E DIFFERENZIARLI

Influenza aviaria: i focolai in atto e i rischi per l'uomo