Tutti ne parlano di questa sindrome, ma nessuno ha ancora capito di cosa si tratta

Piera Feduzi

Salute e Benessere

E’ nota come sindrome di Stendhal, o sindrome di Firenze, e deve il suo nome al noto scrittore francese che amava l’Italia e le sue opere d’arte. Ma in cosa consiste e quali sono i suoi sintomi?

Sindrome di Stendhal
Sindrome di Stendhal

Marie-Henri Beyle, meglio noto come Stendhal, era un celebre scrittore francese che amava viaggiare in Italia alla scoperta delle sue bellezze. Era affascinato soprattutto da Firenze, città in cui ha manifestato più volte i sintomi della sindrome che ha preso il suo nome.

La sindrome di Stendhal altro non è che una reazione forte alla vista di un’opera d’arte, tale da scatenare un’affezione psicosomatica con essa specialmente se ci si trova in spazi chiusi e limitati come quelli di un museo. I primi sintomi dello scrittore avvennero alla presenza delle opere di Caravaggio e Michelangelo: raccontò che durante una visita alla Basilica di Santa Croce a Firenze fu colto da una crisi per la quale fu costretto a uscire, per la sensazione vertiginosa causata dalla vista di quella arte. Ma quali sono i sintomi?

LEGGI ANCHE >>> Una nuova sindrome pandemica ha preso il sopravvento, ecco di cosa si tratta

Sindrome di Stendhal, le cause e i sintomi

Sindrome di Stendhal
Sindrome di Stendhal

Una psichiatra italiana, tale Graziella Margherini, dell’ospedale di Firenze fece ricerche su circa 100 casi negli anni ’70. La dottoressa descrisse la sindrome di Stendhal come un “malessere del viaggiatore di fronte alla grandezza dell’arte“. La ricercatrice notò che erano molti i turisti che, dopo aver fatto visita agli Uffizi, si recavano all’ospedale avvertendo dei malori che scaturivano nel corso dell’osservazione delle opere d’arte.

Secondo la dottoressa “l’analisi della sindrome di Stendhal ha messo in evidenza le complesse interazioni psicosomatiche che possono attivarsi in alcuni individui. La Bellezza e l’opera d’arte sono in grado di colpire gli stati profondi della mente del fruitore“.

Quali erano i sintomi di queste persone? La maggior parte di loro era colta da attacchi di panico, disturbi del pensiero e percezioni deliranti con allucinazioni uditive. Altri manifestavano disturbi affettivi come depressione o al contrario euforia ed estasi. Infine panico, ansia, turbamento, manie di persecuzione.
Gestione cookie