Il maglione si è infeltrito, niente panico. Ecco come farlo riprendere con questo trucchetto

Piera Feduzi

Consigli della Nonna

Non c’è niente di più fastidioso di un maglione rovinato dal lavaggio. Quando si infeltrisce, le cause possono essere diverse, così come le loro soluzioni. Niente panico, dunque: ecco come rimediare!

14/12/21_maglione_infeltrito
Persone foto creata da wayhomestudio – it.freepik.com

Quando un maglione si infeltrisce, vuol dire che il suo tessuto viene rovinato in modo tale da risultare compatto come se fosse un feltro. Non è esattamente una sensazione piacevole e spesso siamo convinti che ormai non ci sia più nulla da fare. Niente di più sbagliato, perché è possibile recuperare un pullover grazie ai dei trucchetti facili e naturali.

Innanzitutto, dobbiamo imparare a capire come sia possibile infeltrire il nostro bucato, in modo tale da prevenirne il deterioramento. Tra le principali cause ci sono gli sbalzi di temperatura dell’acqua o la scelta di quella sbagliata, per esempio se troppo elevata, nel corso di un lavaggio. Ma i saponi non idonei possono rovinare il tessuto, se sono troppo aggressivi o il PH è troppo alcalino e rischia di rimpicciolire le fibre della lana.

Nel caso precipuo della lana, infatti, è bene accertarsi in anticipo se il capo è lavabile in lavatrice o esclusivamente a mano in acqua fredda e se sia il caso di utilizzare un ammorbidente. Inoltre bisogna mantenere costante la temperatura durante il lavaggio e nella fase di risciacquo. Ma come recuperare il maglione se si infeltrisce? Ecco qualche facile rimedio.

LEGGI ANCHE >>> Lavare le coperte di lana: i consigli utili per un risultato ottimale

Maglione infeltrito, come recuperarlo in modo facile

Maglione di lana
Maglione di lana

Un primo consiglio per recuperare un pullover infeltrito e per restituire morbidezza è il bicarbonato: basta di immergerlo in una bacinella con acqua fredda e 20 grammi di bicarbonato e lasciarlo per una notte intera. Al termine, lavatelo con sapone di Marsiglia delicato. Non finisce qui, dopo immergete la maglia nuovamente in acqua fredda ma questa volta con 10 cucchiai di acido tartarico e lasciatelo per 6 ore, avendo cura di mescolare ogni ora. Infine risciacquate bene mettete ad asciugare in orizzontale.

Allo stesso modo, si può utilizzare l‘ammoniaca, in cui bisogna lasciare il capo immerso per un giorno intero con aggiunta sempre di acqua. Il giorno successivo levatelo e sciacquatelo per bene.

Se il maglione è di pura lana oppure di cachemire o di vigogna, si consiglia di usare acqua calda e ammorbidente. Questo deve essere inserito solo quando l’acqua si sarà raffreddata: a questo punto dovrete lasciare il capo in ammollo per tutta la notte. erroneamente infeltrito, è consigliato l’utilizzo di acqua calda e ammorbidente.

LEGGI ANCHE >>> Lana cachemire o merino: le differenze che non conoscete

Un ultimo trucchetto efficace testato già dalle nonne è l’utilizzo del latte con acqua per almeno un paio di ore: fate attenzione che la dose di acqua sia tre volte superiore a quella del latte.

 

Gestione cookie