Il raffreddore è una comune patologia virale molto diffusa e facilmente contagiosa. I suoi sintomi posso essere veramente fastidiosi e renderci la vita difficile per diversi giorni. Quali farmaci aiutano ad attenuarli e a rimetterci in forma prima?

[caption id="attachment_33049" align="alignnone" width="1280"]raffreddore Donna raffreddata[/caption]

Il raffreddore è patologia di natura virale perlopiù stagionale, che provoca l’infiammazione delle vie aeree superiori. I suoi sintomi sono molto fastidiosi e spesso limitanti, poiché oltre al naso e alla gola a volte coinvolgono lo stato generale di salute, rendendoci deboli e spossati.

In genere compaiono tra 1 e 3 giorni dopo l’esposizione al virus e possono essere: malessere generalizzato e astenia, congestione nasale, dolori muscolari, febbre, rinorrea ossia naso che cola, mal di testa, mal di gola, lacrimazione, starnuti, tosse.

La causa di questa infiammazione è un’infezione dovuta a un virus che si trasmette per via aerea e per contatto diretto fra individui ma anche attraverso il contatto con oggetti contaminati. Ognuno di noi può essere contagiato facilmente, anche se alcune categorie di pazienti sono più vulnerabili quali anziani, bambini e immunodepressi.

LEGGI ANCHE >>>
Tachipirina e aspirina: differenza e quali scegliere quando si sta male

Quali farmaci aiutano contro il raffreddore?

[caption id="attachment_33050" align="alignnone" width="740"]Farmaci per raffreddore Farmaci per raffreddore[/caption]

Il raffreddore non richiede necessariamente l’assunzione di farmaci, poiché spesso si risolve entro sette giorni dall’inizio dei sintomi. Ma è proprio per placare questi ultimi che è possibile prendere alcune medicine molto utili a ridurre il malessere.

Ci sono, ad esempio, farmaci per diminuire l’alta temperatura data dalla febbre, farmaci antinfiammatori, quelli per attenuare la tosse e altri decongestionanti. Solo nel caso in cui dovessero subentrare ulteriori infezioni batteriche, il medico potrebbe prescrivere degli antibiotici che, generalmente, non sono mai indicati per questo tipo di malattia.

Il paracetamolo è il principio attivo maggiormente utilizzato nel trattamento dei sintomi più comuni come febbre e dolori vari, poiché dotato di attività antipiretica e analgesica. 

A venire in soccorso ci sono anche i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), i decongestionanti per liberare le vie nasali come gli spray. Anche la tosse è un sintomo comune e fastidioso, che è sempre bene tenere sotto controllo. Quando è secca, si può ricorrere a farmaci antitussivi o sedativi, nel caso in cui fosse grassa è meglio usare mucolitici e mucoregolatori.

LEGGI ANCHE >>> Dopo la tosse non vi vuole mai abbandonare, i rimedi per eliminare una volta per tutte il fastidioso catarro