Di abbracci ce ne sono diversi tipi, qual è quello giusto secondo gli scienziati. Le informazioni utili.

Gli abbracci fanno bene alla salute, allontanano lo stress e migliorano l’umore grazie alla produzione di endorfine e ossitocina che stimolano. Non tutti gli abbracci sono uguali, però, e non tutti hanno lo stesso effetto sulla nostra psiche.

abbracci quello giusto

Gli abbracci, infatti, possono essere di tanti tipi: più distaccati e formali, amichevoli, di incoraggiamento, affettuosi, teneri, familiari e passionali. Di tutto e di più. La differenza dipende dalla vicinanza tra le persone, dall’ampiezza dell’abbraccio, dalla durata e dalla stretta.

Un abbraccio con persone con cui abbiamo poca confidenza sarà rapido, appena accennato, senza avvicinarci troppo e soprattutto senza stringere. Uno con l’amica o l’amico del cuore sarà più ravvicinato, caldo e stretto. Così come con i familiari. L’abbraccio con i nonni quello più tenero. Con il partner ancora più fisico e passionale.

Ma esiste l’abbraccio perfetto? O almeno quello corretto? A questa domande hanno risposto alcuni scienziati. Ecco cosa bisogna sapere.

LEGGI ANCHE: QUALI SONO I BISOGNI FONDAMENTALI DEI BAMBINI? SEMBRA BANALE MA LA RISPOSTA È ILLUMINANTE

Abbracci: ce ne sono diversi tipi, qual è però quello giusto

abbracci quello giusto

Tra i tanti abbracci che possiamo scambiarci con il partner, i familiari, gli amici e anche i conoscenti, ce n’è uno particolarmente indicato in tutte le occasioni, perché vi permette di essere amichevoli e anche affettuosi ma senza invadere l’intimità dell’altra persona, evitando imbarazzi. La risposta arriva dalla scienza.

Secondo uno studio dei ricercatori della University of London, l’abbraccio perfetto è quello che viene dato con un braccio appoggiato sulla spalla e l’altro sotto il braccio della persona che lo riceve e che dura un minino di 5 e un massimo di 10 secondi. In questo modo è possibile abbracciare una persona in modo abbastanza ampio ma senza essere invadenti.

Lo studio è stato condotto su circa 150 studenti per esaminare le emozioni suscitate dall’abbraccio e in che modo sono influenzate dalla presa e dalla durata. Più l’abbraccio è stretto e ravvicinato e più darà emozioni di affetto, tenerezza e amore. Un fattore decisivo, tuttavia, è anche la durata.

I ricercatori, infatti, hanno scoperto che un abbraccio fugace, della durata di appena un secondo, non è in grado di dare emozioni. Praticamente è come non darlo. Per provare delle emozioni, l’abbraccio deve durare almeno 5 secondi. L’abbraccio che dura più a lungo, fino a 10 secondi, dà più emozioni e una maggiore sensazione di piacevolezza.

LEGGI ANCHE: LE POSIZIONI CHE ASSUMIAMO DURANTE IL SONNO RIVELANO LA NOSTRA PERSONALITÀ

abbracci quello giusto