Esistono varie controversie sul fatto che la frutta secca non faccia ingrassare o meno.  Ecco tutto quello che bisogna sapere sui pistacchi!

Il pistacchio nasce dall’albero da frutto della Pistacia vera e appartiene alla famiglia delle Anacardiaceae. La sua origine risale all’Antico Oriente e ad oggi i pistacchi vengono coltivati e prodotti da moltissimi paesi come l’Italia, la Spagna, l’America del Nord o la Grecia.

pistacchi

In Italia vengono prodotte due varietà di pistacchio: quello di Bronte, una piccola località situata a Catania e quello di Stigliano in provincia di Matera. Nel mondo ovviamente esistono moltissime varietà molto gustose come i pistacchi prodotti in Turchia (Antep o il Siirt) oppure quelli Californiani.

I pistacchi sono dei validi alleati in cucina infatti sono impiegati in moltissime pietanze sia dolci che salati come la pasta al pesto di pistacchi, torte, crostate, dolci, varie pizze salate, gelati e molto altro ancora.

I pistacchi fanno ingrassare o sono salutari? Ecco i loro benefici e le loro proprietà!

pistacchi

I pistacchi posseggono grandi quantità di fibre, acido folico, minerali, vitamine E e proteine adatte per l’organismo. La frutta secca è consigliata per chi consegue una dieta vegana e il rapporto calorico per ogni 100 grammi equivale a 560 calorie o poco più.

Molte persone non sanno che i pistacchi combattono la stitichezza, rendono più folti e resistenti i capelli, per regolare la pressione troppo alta o per abbassare i livelli di colesterolo cattivo nel sangue, mediante la presenza al loro interno della vitamina B6.

Secondo alcuni studi pare che i pistacchi siano utili anche per chi soffre di anemia. Essi prevengono il diabete di tipo due vista la quantità di sali minerali non indifferente, favoriscono il buonumore e combattono la secchezza cutanea.

Inoltre aiutano in gravidanza con lo sviluppo del feto ed è un potente anticancro. Bisogna consumarli con moderazione, ma in generali non causano nessun problema anzi, aiutano a mantenere stabili i livelli di glicemia nel sangue grazie ai grassi Omega 3, contrastano il gonfiore fisico e mantengono regolare il proprio peso-forma.

L’ideale è quello di mangiarli al naturale, quindi ne salati e ne tostati visto che questo tipo sono ricchi di sodio e di calorie. Si sconsigliano ovviamente per chi soffre di allergia alla frutta secca. Per chi soffre di disturbi ai reni, problemi epatici, varie ulcere o nelle persone che soffrono di ipertensione. Infine secondo la Coldiretti bisogna sempre fare attenzione alla provenienza di questo tipo di frutta visto che molti stati utilizzano dei pesticidi dannosi per l’organismo.

LEGGI ANCHE: La frutta secca fa bene davvero? Ecco la verità

pistacchi