Essiccare le erbe aromatiche è un metodo di conservazione efficace, specialmente per chi ne usufruisce in grandi quantità.

È una pratica che viene eseguita dalla notte dei tempi dalle nonne e dalle mamme. Esistono vari modi per poterlo fare non vi resta che scegliere quello adatto a voi, inoltre bisogna tener conto che ogni tipo di erba aromatica ha il suo modo di conservazione.

erbe aromatiche

Nel passato questi tipi di erbe erano lasciate al sole per tempi abbastanza lunghi. Ma grazie ad alcuni elettrodomestici comuni è possibile farlo in casa nel minor tempo possibile attuando tecniche e pratiche alla portata di tutti.

Innanzitutto bisogna fare una premessa: chi vive in città è opportuno che eviti di essiccare le erbe aromatiche al sole in quanto l’inquinamento urbano e lo smog potrebbe rendere queste tipologie di alimenti una vera e propria bomba nociva per l’organismo.

LEGGI ANCHE: Zucca, se non la cucini puoi conservarla per diversi mesi: ecco come

Consigli utili per essiccare le erbe aromatiche in casa!

erbe aromatiche

  • Forno: non vi resta che utilizzare una temperatura bassa riponendo le varie erbe su una teglia. Lasciate l’anta del forno aperta, in modo che il vapore acqueo non vada a restringere e rovinare il tipo di erba scelta. Ovviamente le tempistiche non sono certe a causa del modello del forno e delle varie temperature fornite da quest’ultimo. Si sa per certo però che le erbe non dovranno rimane in forno per più di un’ora o poco più. Giratele di tanto in tanto in modo che non brucino e nel momento in cui si sbricioleranno al tatto vorrà dire che sono pronte. Un’altra idea valida è l’essiccatore anche se ha tempi molto più lunghi del forno ma brevi rispetto all’essiccazione all’aria.
  • Microonde: metodologia adatta per chi non dispone di molto tempo o chi non possiede un forno in casa. Vi serviranno pochi minuti e il gioco e fatto! Una volta lavato accuratamente le erbe e asciugate non vi resta che disporle su un piano ad una temperatura non oltre i 700 W.
  • All’aria aperta: suddividete i vari mazzetti su uno stendi panni, una grata in ferro o qualsiasi ripiano purché capovolte e appese. Così che l’acqua contenuta all’interno delle erbe evapori in maniera naturale. Evitate di esporle al sole diretto e posizionatele in zona non umida ma l’ambiente dovrà essere comunque arieggiato. Il tempo di essiccazione varia dai pochi giorni a un massimo di 2-3 settimane. Lo noterete stesso voi al tatto quando le erbe vi si sbricioleranno in mano.

Le erbe aromatiche più comuni, dal sapore inconfondibile anche secche e resistenti per quanto riguarda il processo di essiccazione sono: il rosmarino, il timo, la salvia, l’alloro, l’origano, la maggiorana, il prezzemolo, l’erba cipollina, la menta e l’aneto.

Mentre per quanto riguarda il basilico si consiglia secco visto che durante l’essiccazione perde il suo sapore tipico. Ma se non si riesce a fare a meno è possibile essiccarlo senza nessun problema facendo attenzione essendo un erba molto delicata.

LEGGI ANCHE: Tartufo, il re della tavola: come conservarlo per non perdere freschezza e sapore 

erbe aromatiche