Termosifoni, innocui caloriferi, ecco che pericolo corriamo se utilizzati male. Le informazioni utili.

In gran parte d’Italia è già iniziata la stagione in cui si accendono i termosifoni. Dispositivi essenziali per tenere le nostre case al caldo durante la stagione fredda. C’è chi usa il calorifero tradizionale in ghisa, chi quello più leggero in alluminio e chi invece ha l’impianto di riscaldamento a terra oppure usa condizionatori. Importante è usare bene il riscaldamento di casa, evitando gli eccessi.

termosifoni pericolo

Se siete anche voi tra coloro che tengono l’impianto di riscaldamento a temperature troppo elevate, dovete sapere che non state facendo un favore all’ambiente ma nemmeno alla vostra salute.

Soprattutto, tenere i termosifoni a temperature troppo alte vi costerà molto e potrà crearvi fastidiosi disturbi. Insomma, il calorifero bollente è un danno al vostro portafogli e un pericolo al vostro benessere e alla vostra salute. Ecco cosa bisogna sapere.

LEGGI ANCHE: COME RISCALDARE CASA E RISPARMIARE, LE ALTERNATIVE AI TERMOSIFONI CLASSICI

Termosifoni, innocui caloriferi, ecco che pericolo corriamo se utilizzati male

termosifoni pericolo

Utilizzare il riscaldamento di casa in modo appropriato è tutto di guadagnato. Risparmierete denaro e anche problemi di salute. Infatti, i termosifoni se usati male possono essere addirittura pericolosi per la salute.

In primo luogo, dovete accendere il riscaldamento di casa solo quando ce n’è davvero bisogno. Ovviamente, questo è possibile se avete un impianto autonomo. In caso contrario, conviene comunque chiudere i radiatori o abbassare la temperatura dei singoli radiatori o del termostato di casa.

Ci guadagnerà il vostro portafogli ma anche la vostra salute, e naturalmente l’ambiente. Infatti, quando i termosifoni scottano, e fuori non fa poi così freddo, il rischio è di soffrire di problemi respiratori, soprattutto se non usate gli umidificatori per i radiatori.

È importante, infatti, che la casa sia ben riscaldata ma che l’aria non sia troppo secca. Per questo è importante usare gli umidificatori, quei contenitori da riempire con l’acqua che si agganciano ai radiatori. All’acqua potete aggiungere anche alcune gocce di oli essenziali per profumare l’ambiente e anche per il vostro benessere. In caso di necessità, potete anche utilizzare umidificatori elettrici, che rendono l’aria meno secca e aiutano a purificarla.

Quando in casa, infatti, l’aria si secca troppo per l’elevata temperatura dei termosifoni, il rischio è di avere secchezza alla gola e difficoltà a respirare correttamente. Problemi che colpiscono soprattutto i bambini piccoli e gli anziani. Per questo motivo gli ambienti vanno umidificati.

I termosifoni troppo caldi, poi, possono generare uno stato di sonnolenza o torpore che finisce per rendere difficili le attività che richiedono concentrazione e può perfino  annebbiarvi la mente. Allo stesso tempo e paradossalmente, il calore eccessivo in casa può causare difficoltà ad addormentarsi alla sera. Dunque è bene spegnere i termosifoni almeno un’ora prima di andare a dormire.

Con questi accorgimenti, termosifoni accesi quando servono e alla giusta temperatura, solitamente intorno ai 21° C, e uso degli umidificatori, non dovremmo avere problemi.

LEGGI ANCHE: COME PULIRE I TERMOSIFONI SENZA FARE TROPPA POLVERE

termosifoni pericolo