Nel 2022 si vedrà finalmente una sostanziale riduzione delle tasse, ma solo per alcuni: ecco di quanto e per chi. 

Tasse

La nuova Legge di Bilancio ha stanziato ben otto miliardi dedicati al taglio delle tasse: una mossa aspettata soprattutto da imprenditori, liberi professionisti e datori di lavoro che, finalmente, potranno respirare.

In Bilancio, infatti, si parla di taglio IRPEF e IRAP che, essendo progressive, porteranno un risparmio più alto tanto più sarà alta la fascia di reddito. Ma scopriamo qualche altra informazione che potrà tornarci utile.

Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla futura riduzione delle tasse.

Riduzione tasse, non per tutti: ecco chi riguarda e di quanto saranno tagliate

Tasse

Come detto, dunque, il taglio riguarderà solo l’IRPEF e l’IRAP: l’obiettivo è quello di ridurre il cuneo fiscale e sul lavoro e le aliquote marginali effettive. Si parla, dunque, di una riduzione di ben cinque punti di cuneo fiscale e un taglio concentrato, da parte del Governo, sulle aliquote centrali. 


LEGGI ANCHE: In arrivo 2400 euro di bonus per gli affitti, ecco chi potrà beneficiarne


In particolar modo, spiegano gli esperti, si andrebbe ad operare sulle aliquote riguardanti lo scaglione di reddito dichiarato tra i 28mila euro e fino ai 55mila euro. Secondo i redditi dichiarati nel 2020, ciò andrebbe a portare beneficio a una platea di ben 5,4 milioni di lavoratori dipendenti.

Non riguarderà, invece, i contributi al contrario di quanto chiedeva Confindustria.

Quanto si potrà risparmiare?

Secondo alcune simulazioni effettuate da esperti del settore fiscale, un taglio dal 38% al 36% dell’aliquota farebbe risparmiare quasi 350 euro a coloro che, attualmente, guadagnano 45mila euro lordi all’anno e che sono single o con due figli sotto i tre anni a carico. 


LEGGI ANCHE: Mance a lavoro ora ci devi pagare le tasse


Ancora, questo beneficio, salirebbe ad oltre 500 euro per chi all’anno ne guadagna 75mila lordi ed ha la stessa situazione familiare.

Al momento, però, non entrerebbe nulla in tasca a tutti coloro che guadagnano di meno: tuttavia, si pensa di allargare la platea che ne beneficerebbe, compreso un rinvio di plastic e sugar tax. 

Tasse