Ecco cosa succederà durante il prossimo anno scolastico; le regole del Governo per la scuola che inizierà a settembre.

Da 12 al 20 settembre gli studenti di tutta Italia inizieranno un nuovo anno scolastico durante il quale verranno prese delle misure anti-Covid per cercare di ridurre i contagi.

Sembrerebbe che per il momento la Dad (didattica a distanza) non sia contemplata, ma nemmeno esclusa. Gli studenti di ogni ordine e grado inizieranno la scuola in presenza. Ci saranno delle regole da rispettare, ecco quali.

Scuola a settembre: ecco cosa succederà

Inizio anno scolastico

Il piano scuola per quest’anno è molto simile a quello dell’anno passato. Gli ingressi e le uscite saranno a turni per evitare assembramenti sia all’interno/esterno degli istituti e sia sui mezzi di trasporto pubblico.


LEGGI ANCHE: GPS scuola, novità con il rientro a settembre


Tutti gli studenti, ad eccezione di quelli delle materne, dovranno indossare le mascherine anche quando si troveranno al banco e non solo quando sono nelle zone comune. Mascherine che verranno fornite dalla scuola e gratuitamente al personale scolastico, ai docenti ed anche agli stessi studenti.

La distanza di un metro non è più obbligatoria, ma solo raccomandata. Nel caso in cui on ci sia abbastanza spazio si può derogare, ma le altre misure devono essere rispettate. Un altro consiglio è anche quello di permettere un costante continuo dell’aria sia attraverso le finestre aperte, ove possibile, e sia all’istallazione di apparecchi filtranti, per i quali sono stati stanziati dei fondi.


LEGGI ANCHE: Scuola superiore: come i genitori possono aiutare i figli a scegliere


Anche l’accesso alle mense ed alle palestre sarà scaglionato per turni in modo da evitare assembramenti. Si dovranno preferire sport individuali e cercare quanto più di limitare i contatti fisici.

La grande novità di quest’anno è il green pass; il certificato verde è obbligatorio per il personale scolastico (docenti, assistenti, amministrativi) e per tutti coloro che entrano nelle scuole. Chi non ne è in possesso dovrà sottoporsi, a proprie spese, al tampone prima di accedere a scuola.

Ancora non è chiaro chi dovrà controllare la presenza o l’assenza del green pass, molto probabilmente sarà il dirigente scolastico o un suo delegato.

Inizio anno scolastico