Magni, indovini, chiaroveggenti e cartomanti fin dall’antichità utilizzano la sfera di cristallo per vedere il futuro e comunicare con i morti.

La sua massima espressione pare sia nata durante il medioevo. Le prime notizie su questa nobile arte magica risalente secondo la metà del 500′.

Per l’esattezza al 21 novembre del 1582, quando il matematico, occultista e mago John Dee, utilizzo per la prima volta la sfera di cristallo perché donatagli dagli angeli per comunicare con loro, aiutandosi dal medium Edward Kelly.

La grandezza della sfera di cristallo è di 6 cm ed è possibile ammirarla tuttora, visto che è conservata nel British Museum di Londra. Inoltre, pare che una sfera di cristallo venne trovata all’interno di un sarcofago di un re franco durante il 5 secolo d.C. e il periodo merovingio e sassone.

LEGGI ANCHE:  La gemma preziosa simbolo d’amore sin dall’antichità: la perla

Come bisogna sapere sulla sfera di cristallo?
sfera di cristallo

Nell’antichità si utilizzava una sfera fatta di roccia, di pietra, l’ialino o in berillio. In un secondo momento si è deciso di utilizzare il cristallo purissimo o pietre come il quarzo rosa, ossidiana e che sia al suo interno priva di bolle. La tradizione vuole che ci sia trasparenza e chiarezza quando si chiede il responso all’oracolo.

Questa nobile arte adoperata dagli esperti, prende il nome di cristallomanzia o cristalloscopia. Il diametro corretto è di 8 cm e si purificava e consacrava prima di essere utilizzata. Si bagnava con infuso di ametista e adagiata sotto un panno nero, in modo che riflettesse la luce del sole. Il motivo deriva dal fatto che la sfera essendo un oggetto per la divinazione lunare, veniva utilizzata dopo il tramonto.

Secondo la filosofia medioevale si utilizzava la sfera per rappresentare la perfezione dell’oggetto in se. Inoltre era definito simbolo del cielo, del mondo spirituale e del cosmo. Per ottenere il responso dalla sfera, occorre disporre un paio di candele bianche su un tavolo, tenendo la luce spenta, in modo che vi ritroviate quasi al buio. Se dopo aver fatto le varie domande comparivano delle nuvole bianche al suo interno, vuol dire che si stava avendo una vera e propria visione positiva. Le nuvole nere rappresentavano una risposta negativa, rosse e gialle sorprese spiacevoli, mentre blu e verdi avvenimenti piacevoli.

LEGGI ANCHE:  La lampada di sale non è solo bella: tutti i benefici per la salute

sfera di cristallo