Abitazione principale e residenza possono essere diverse? Sciogliamo ogni dubbio

Se vi state chiedendo se sia possibile avere l’abitazione principale in un posto e la residenza in un altro ancora, di seguito vi forniamo una risposta dettagliata al vostro quesito.

Iniziamo col dire che, stando ad una ordinanza emessa di recente dalla Cassazione, per abitazione principale si intende quella in cui sono presenti alti consumi di utenze.

Si tratta di una definizione diversa da quella data dal Ministero dell’Economia che, invece, definisce tale l’immobile in cui un nucleo familiare risiede stabilmente e in maniera abituale.

Queste due definizioni, quindi, aprono la strada ad un nuovo scenario che può portare a chiedersi se sia necessario pagare l’Imu per l’abitazione principale in cui non si ha la residenza, o per quella in cui si ha la residenza.

Abitazione principale e residenza diverse: è posibile?

Abitazione principale e residenza possono essere diverse? Sciogliamo ogni dubbio

Secondo la Cassazione, un’abitazione principale senza avere la residenza può essere considerata a fini fiscali nel momento in cui i consumi sono tali da provare dove vive abitualmente un soggetto insieme al nucleo familiare.

Leggi anche: ECOBONUS 110 % E CESSIONE DEL CREDITO: RISTRUTTURARE CASA A ZERO SPESE

In poche parole, secondo la Suprema Corte, l’abitazione principale può essere dimostrata con le bollette e, di conseguenza, considerata ai fini fiscali come tale.

Ne consegue che l’Imu dovrà essere versata sulla casa in cui non si ha la residenza ma dove semplicemente si dimora abitualmente.

Nel caso in cui ci sia una diversità tra abitazione principale e residenza anagrafica, secondo l’ordinanza in questione non può essere negata alcuna agevolazione.

Leggi anche: “CERCO CASA”: TUTTE LE REGOLE DA SEGUIRE PER NON SBAGLIARE!

Ad ogni modo, tale pronuncia è arrivata in seguito ad esposto fatto da un cittadino che aveva chiesto il beneficio delle detrazioni previste in merito al pagamento delle utenze domestiche e delle spese condominiale. Una volta che sono state dimostrate le bollette, la Cassazione si è pronunciata a favore del cittadino al quale sono state poi versate le agevolazioni previste in materia fiscale.

Abitazione principale e residenza possono essere diverse? Sciogliamo ogni dubbio