febbre

La febbre è il primo segnale che il nostro corpo sta reagendo a virus e batteri. E’ quindi molto importante per la nostra salute e non va eliminata. Al massimo la si può controllare. 

La febbre, intesa come alterazione della temperatura corporea, è quindi la prima barriera alle aggressioni che provengono dall’esterno: è utile e va contenuta solo se supera certi livelli.

Si può parlare di febbre vera e propria solo quando si supera la temperatura di 37,5°. Scopriamo perché viene e come gestirla.

LEGGI ANCHE: COME MISURARE LA FEBBRE SENZA TERMOMETRO

La febbre è un’amica da conoscere

febbre

La febbre è un importante “mezzo” di guarigione contro batteri e virus ma non solo.  Può venire infatti in seguito a infezione, ma anche in caso di colpi di calore, traumi, ecc.

Occorre fare attenzione a non allarmarsi in caso di leggera alterazione della temperatura perché le cause possono essere anche semplici sforzi dovuti ad esempio all’attività fisica, o durante l’ovulazione delle donne, o addirittura dopo aver mangiato tanto. 

Normalmente si presenta all’improvviso e può durare più giorni. Se persiste, anche se bassa, per periodi lunghi, intendendo alcune settimane, è il caso di sentire il medico.

A livello medico la febbre è il risultato dell’aumento dei globuli bianchi, le cellule che contrastano l’azione di virus e batteri. Lo svolgimento del loro compito è agevolato dallo stimolo che giunge al cervello di far aumentare la temperatura corporea, con lo scopo di uccidere e impedire la crescita di eventuali patogeni.

Come si misura la febbre

La febbre viene misurata grazie all’uso di un termometro. I luoghi migliori sono:

  • ascella
  • inguine
  • sotto la lingua
  • e, in caso di bambini piccoli, nel retto considerando che la temperatura misurata va abbassata di 0,5°.

Il tempo di misurazione può variare a seconda della zona ma in media il termometro va mantenuto per 3-5 minuti.

Gli esperti consigliano di effettuare la misurazione almeno due volte al giorno, al mattino e la sera e di non farlo subito dopo aver mangiato o bevuto alimenti caldi.

Le diverse fasi della febbre

E’ bene conoscere i diversi momenti di manifestazione ed evoluzione della febbre:

  • all’inizio, quando sale la temperatura, aumenta il battito cardiaco, si possono provare brividi, si riduce il senso di fame e il respiro si fa più corto
  • successivamente la temperatura che ha raggiunto un dato livello si stabilizza e si inizia a sudare. Nei bambini se la febbre supera i 39° possono presentarsi le convulsioni febbrili
  • infine la febbre sparisce, spesso da sola, nel giro di poche ore o di alcuni giorni.

Come mandarla via quando serve

Gli antipiretici sono farmaci antifebbrili che contrastano l’aumento di temperatura e riducono gli eventuali dolori. Altri farmaci che si possono utilizzare sono i FANS o antinfiammatori non stereoidei.

Nessun farmaco andrebbe usato prima che la temperatura raggiunga i 38,5°, proprio perché la febbre è la prima “cura” che il nostro corpo mette in azione. Possono però essere somministrati in caso di dolore o fastidio.

In alternativa ai farmaci è possibile ricorrere ai famosi “metodi della nonna” che favoriscono la dispersione di calore e la riduzione della temperatura:

  • spugnature fredde ma non ghiacciate
  • aumentare l’idratazione, facendo bere molto il paziente
  • il riposo
  • indossare elementi leggeri
LEGGI ANCHE: VOMITO: 3 RIMEDI NATURALI PER COMBATTERLO
Quando sentire il dottore

Poiché la febbre è un sintomo, se persiste è bene indagare rivolgendosi al medico.

Altri casi in cui è necessario sentire il dottore sono:

  • se la febbre interessa neonati o anziani
  • quando la temperatura supera i 39,5°
  • se non si abbassa nemmeno con i farmaci
  • quando si accompagna a vomito e diarrea.

febbre termometro