La frutta sciroppata è un alimento molto saporito che può essere preparato tranquillamente anche a casa. Scopriamo insieme quali sono i passaggi per prepararla in maniera impeccabile.

Quello della frutta sciroppata è un metodo che consente di conservare la frutta all’interno di barattoli e di consumarla ogni volta che si vuole.

In passato, veniva utilizzato per conservare la frutta di stagione in modo tale da poterla gustare anche nel periodo in cui non era reperibile.

C’è chi la prepara a pezzi e chi intera e chi la utilizza per preparare delle ricette dolci sfiziose. Scopriamo insieme come preparare in casa la frutta sciroppata.

Frutta sciroppata: come prepararla in casa

Prima di cominciare con lo spiegare i passaggi necessari per preparare questa prelibatezza è importante precisare che per la preparazione devono essere utilizzati soltanto frutti freschi, che non presentano ammaccature e non completamente maturi.

I frutti che si prestano maggiormente a questa preparazione sono:

  • albicocche;
  • pesche;
  • prugne;
  • amarene;
  • pere.

A prescindere dalla vostra scelta, ogni frutto andrà sbucciato per bene e privato del nocciolo.

Leggi anche: DIABETE E FRUTTA: QUALE SCEGLIERE PER EVITARE RISCHI

Fatte queste premesse, il primo passo è la sterilizzazione, sia dei barattoli di vetro che della frutta. Questa deve avvenire in acqua con temperatura a 90 gradi per qualche minuto: così facendo gli agenti patogeni verranno eliminati come anche gli enzimi responsabili del cambiamento di colore della frutta.

Questo passaggio, però, va precisato, eliminerà anche il 50 per cento di vitamine. Ciò significa che la frutta fresca, dal punto di vista nutrizionale, è qualitativamente migliore.

Gli ingredienti necessari per la preparazione vera e propria sono:

  • frutta;
  • zucchero;
  • limoni;
  • acqua.

Prendete la frutta, lavatela e immergetela all’interno di un contenitore riempito con acqua e il succo di 2 limoni.

Leggi anche: SUCCHI DI FRUTTA: LE REGOLE PER UN CONSUMO SANO

Trascorso qualche istante, scoliamo la frutta e adagiamola all’interno di un pentolino insieme allo zucchero, al succo di un altro limone e, infine, 1 litro di acqua.

Frutta sciroppata fatta in casa: il segreto per prepararla a regola d'arte

Una volta portato a bollore il tutto, aspettate altri cinque minuti e, dopo, scolatela e disponetela all’interno dei barattoli di vetro alternando agli strati di frutta, quelli di zucchero e sciroppo.

Quest’ultimo, si prepara mischiando lo zucchero con del succo di frutta o, in alternativa, grappa o vino.

Ricordate che lo zucchero non deve essere presente per oltre il 25 per cento per evitare la fermentazione della frutta.

Fatto ciò, chiudete i barattoli ermeticamente e procedete con un’ulteriore sterilizzazione.

Immergete i contenitori in una pentola riempita a metà di acqua e lasciate bollire il tutto per una trentina di minuti. Trascorso il tempo necessario, la nostra frutta sciroppata sarà pronta per essere consumata o conservata per cica 3 mesi.

Frutta sciroppata fatta in casa: il segreto per prepararla a regola d'arte