fieno

Avete mai sentito parlare del latte da fieno? In Italia, principalmente in Alto Adige, molte aziende agricole a conduzione familiare, sono incaricate quotidianamente della produzione di latte da fieno.

Piccoli allevamenti sostenibili, da alcuni anni, hanno deciso di riprodurre il latte da fieno con il consenso dell’UE.

Si tratta di un latte prodotto solo in montagna, con valori nutrizionali elevati, dotato di maggiore digeribilità e dal sapore ricco e corposo.

È considerato un prodotto innovativo nel settore lattiero caseario altoatesino. Insomma, il latte da fieno è gustoso, eco-sostenibile, fa bene alla salute e per realizzarlo le mucche vivono bene.

LEGGI ANCHE:  Latte di soia: valori nutrizionali e controindicazioni

Come può nascere e come viene fatto il latte da fieno?

mungitura

Durante l’allevamento delle mucche, nutrite con lrba fresca o essiccata in base alle stagioni, esse producono latte differente da quello presente in commercio. Il latte da fieno è regolato da una disciplinare dell’unione europea che lo dichiara una specialità tradizionale garantita.

L’Unione Europea prevede infatti il divieto di distribuire foraggi fermentati, mangimi ogm. La quantità di fieno, paglia e mangimi ricchi di fibre, deve ricoprire il 75% di parte secca annua.

Durante la primavera e l’estate, le mucche assumono erbe fresche e fiori di campo. Mentre, in autunno e in inverno, si nutrono di erba secca come il fieno.

Il suo sapore ricco e genuino, ricorda molto i pascoli di montagna, grazie alla sua composizione alimentare, dovuta alla crusca e alle piante proteiche.

L’aroma del latte da fieno varia dalle erbe aromatiche ingerite dalle mucche, che ne arricchiscono il valore nutrizionale.

Il latte da fieno protegge la salute delle mucche, delle persone e dell’ambiente

mucche

Sia le erbe fresche che quelle secche, sono ricche di sostanze nutritive per le mucche. Le ruminanti hanno una capienza di 170 litri e mediante la digestione, trasformano le varie erbe in grassi e proteine.

Fanno fatica invece, a digerire i cereali e la soia.

Un’alimentazione errata per le mucche può provocare gravi problemi e infezioni e richiedere l’intervento di un veterinario che somministrerà un antibiotico specifico.

I cereali ad esempio danneggiano il fegato e lo stomaco delle mucche, a causa dei troppi acidi.

Benefici

Il latte da fieno presenta molti benefici per l’uomo grazie alle varie tipologie di erbe che ingeriscono le mucche:

  • è più facile digerire,
  • contiene acidi grassi importanti per l’organismo agendo sul sistema cardiocircolatorio e gode di grosse quantità di omega-3
  • non contiene nessuna forma di pesticidi o diserbanti.

Inoltre la sua produzione protegge l’ambiente perché:

  • per alimentare i bovini degli allevamenti intensivi si utilizzano mais e soia, che vengono coltivati richiedendo pesticidi, acqua e combustibili fossili
  • per tali coltivazioni si impovera il suolo e la sua biodiversità.

LEGGI ANCHE:  Che differenza c’è tra il latte intero, quello parzialmente scremato e quello scremato

Chi lo produce e perché costa di più?

In Italia, grazie al progetto di un’azienda biologica che produce yogurt, viene prodotto di nuovo il latte da fieno sulle montagne dell’Alto Adige: qui le mucche sono nutrite con l’85% di erba fresca, fieno, paglia e pula.

Il latte viene convertito in yogurt biologico e viene prodotto senza aromi addensanti, quindi a causa della dovuta cura e attenzione, il suo costo è maggiore rispetto agli allevamenti intensivi.

Però i vantaggi sono molti!

biologico