Latte di soia: valori nutrizionali e controindicazioni

Il latte di soia, molto spesso, è utilizzato in sostituzione del latte vaccino. Scopriamo quali sono i suoi valori nutrizionali e le controindicazioni.

Il latte di soia, sempre più spesso, viene consumato in alternativa al latte vaccino soprattutto da chi ne è intollerante ma anche da chi decide di sposare un’alimentazione del tutto priva di alimenti di origine animale.

Di seguito, facciamo un po’ di luce sul consumo di questa bevanda e soprattutto se è giusto usarlo al posto del latte normale.

Leggi anche: LATTE SCADUTO: ECCO COME USARLO IN CUCINA E NON SOLO

Latte di soia: valori nutrizionali, benefici e controindicazioni

Latte di soia: valori nutrizionali e controindicazioni

La bevanda in esame vanta dei valori nutrizionali molto interessanti. Rispetto al latte vaccino, ad esempio, non presenta colesterolo ed è ricco di acidi grassi insaturi.

In riferimento all’apporto calorico, 100 grammi di prodotto presentano poco più di 50 calorie.

I benefici del latte di soia sono diversi. Questi riguardano innanzitutto il sistema cardiovascolare dovuti alla riduzione del colesterolo “cattivo”, di conseguenza, è molto indicato nel caso in cui si soffra di ipercolesterolemia.

Non solo, la bevanda in esame è indicata nelle persone che soffrono di intolleranza al lattosio e nelle persone diabetiche dato che aiuta a riequilibrare i livelli di glucosio nel sangue.

Mentre per quanto riguarda le controindicazioni, queste riguardano innanzitutto l’elevata concentrazione di acido folico che ostacola l’assorbimento del resto dei minerali.

Questa bevanda inoltre contiene basse dosi di vitamine in particolare della vitamina D e della vitamina B12. Di conseguenza, chi segue un’alimentazione di tipo vegano deve farsi prescrivere dal proprio medico curante dei buoni integratori.

Chi presenta una carenza di iodio deve sapere che il latte di soia non va consumato poiché può avere delle interferenze con il corretto funzionamento della tiroide.

Leggi anche: CHE DIFFERENZA C’E’ TRA IL LATTE INTERO, QUELLO PARZIALMENTE SCREMATO E QUELLO SCREMATO

Il consumo di latte di soia è controindicato, infine, anche per chi presenta problemi renali a causa dell’elevata concentrazione di ossalati che possono favorire i calcoli renali

Latte di soia: valori nutrizionali e controindicazioni