omeopatia

L’insonnia è una condizione molto diffusa, che colpisce un terzo della popolazione mondiale. E’ possibile però contrastarla grazie a dei rimedi naturali. Scopriamoli.

Si tratta di un disturbo complesso da non sottovalutare, perché se trascurato può portare seri danni sia gravi e permanenti.

Spesso per combattere l’insonnia si ricorre a diversi rimedi che vanno dai sonniferi, alle erbe o a strumenti di medicine alternative che servono a contrastare il problema.

Sono questi i rimedi consigliati quando l’insonnia è lieve, mentre se le condizioni sono un po più gravi è il caso di contattare uno specialista in modo da consigliarvi un percorso terapeutico adatto alle vostre esigenze.

Bisogna anche precisare che in generale non bisogna abusare ed è consigliabile farsi in ogni caso consigliare da un medico perché vi possono essere effetti collaterali o controindicazioni da conoscere.

LEGGI ANCHE:  Le posizioni che assumiamo durante il sonno rivelano la nostra personalità

Erbe naturali che favoriscono un sonno duraturo e prolungato!

stress

Alcune erbe sono utilizzate per favorire l’addormentamento e migliorare il riposo. Esse contengono proprietà sedative che conciliano il sonno contrastando gli stati d’ansia.

Esse si assumono mediante miscele o tisane, possono essere riprodotte a casa o acquistabili già pronte al supermercato o in erboristeria.

Ecco 4 tipi di erbe che combattono l’insonnia:

  • Biancospino: ad esso vengono attribuite proprietà sedative e sono molto utili per le persone che soffrono di eccessiva ansia.
  • Luppolo: il luppolo è una pianta a cui vengono attribuite proprietà tranquillanti, utile per l’irrequietezza e l’insonnia.
  • Melissa: la melissa fornisce proprietà antispastiche che può essere d’aiuto in caso di agitazione e insonnia associata.
  • Valeriana: è considerata la pianta sedativa per eccellenza; viene utilizzata maggiormente alle altre per combattere stati di stress e ansia, insonnia, agitazione e irrequietezza.

Quando si parla di melatonina invece ci si riferisce a un ormone prodotto dal nostro cervello che in caso di carenza può essere assunto mediante degli integratori alimentari o attraverso alcuni tipi di cibo. Le sue funzioni benefiche sono molteplici:

riduzione dei tempi di addormentamento

aiuto nell’alterazione del sonno mantenendo un ciclo sonno-veglia equilibrata

regolazione del sonno notturno con stabilizzazione del ritmo cardiaco.

Bisogna ricordare però che per quanto queste erbe siano naturali, possono interferire in qualche modo con una terapia farmacologica già in corso, durante una gravidanza o durante l’allattamento. Per tanto si consiglia sempre di rivolgersi dal proprio medico curante.

LEGGI ANCHE:  Quante ore di sonno sono necessarie? Le risposte degli esperti

Rimedi omeopatici per contrastare l’insonnia e le sue conseguenze!

letto

Oltre ai rimedi naturali, spesso si consigliano i rimedi omeopatici in alternativa alla medicina di base e possono essere molto utili per contrastare l’insonnia e lo stress che ne provoca.

Fra i rimedi omeopatici si consigliano i seguenti:

  • Arnica montana: utilizzata principalmente nei casi di insonnia dovuti a sforzi fisici prolungati, accompagnati da affaticamento muscolare.
  • Aconitum napellus: è un rimedio omeopatico utilizzato per combattere l’insonnia dovuta a shock, panico o paura. Utilizzata per combattere incubi notturni, agitazione e inquietudine.
  • Coffea cruda: utilizzata per combattere stati di eccitazione cerebrale eccessiva e stati di stress.
  • Ignatia amara: rimedio omeopatico che consiste nel ridurre stress e traumi emotivi e affettivi dovuti a lutti e preoccupazioni.
  • Nux vomica: utilizzata per persone generalmente irritabili dovuto all’eccessiva iperattività, eccessi alimentari, uso spropositato di alcol o sostanze stimolanti come tè e caffè.

Infine grazie a specifiche essenze, l’aromaterapia favorisce il sonno, rilassa e distende i muscoli.

erbe aromatiche