giulia de lellis instagram
Fonte: Giulia De Lellis Instagram

Giulia De Lellis è un’influencer molto nota che ultimamente ha parlato della differenze tra le creme solari, scatenando repliche e forti critiche. Scopriamo cos’ha detto e perché ha sbagliato.

Tutti conoscono l’importanza della crema solare quando ci si espone al sole ma pochi hanno chiara la differenza tra i diversi fattori di protezione. Grazie all’intervento infelice di Giulia De Lellis cerchiamo di fare chiarezza.

LEGGI ANCHE: CREMA SOLARE COME RICONOSCERE QUELLA ADATTA

Secondo Giulia De Lellis le creme solari sono tutte uguali

creme solari fattore spf

In una delle ultime stories su Instagram la De Lellis ha raccontato un episodio:

L’altro giorno do la protezione 50 a Ludo e mi fa ‘no la 50 protegge troppo non mi abbronzo preferisco mettere la 30’. In realtà la 50, la 30 e la 20 proteggono tutte allo stesso modo, solo che la 50 dura di più, la 30 meno, la 20 ancora meno, la 15 ve la dovete mettere ogni 2 ore. Non cambia nulla semplicemente se prendete la 50 ve la dovete mettere meno volte durante la giornata“. 

E’ questa la frase incriminata.

Innanzitutto non è vero che le creme solari proteggono tutte allo stesso modo, e la differenza sta proprio nel fattore di protezione solare, l’Spf.

LEGGI ANCHE: PRENDERE IL SOLE AL MARE SENZA SCOTTARSI: LE PRECAUZIONI CONSIGLIATE

Cos’è l’Spf e da cosa protegge

La sigla Spf sta per Sun Protection Factor ed è espresso in un numero che misura la capacità di proteggere dalle radiazioni pericolose, le UVB.

Quando si parla di radiazioni solari ci si può riferire alle radiazioni UVA, UVB e UVC, dove UV sta per raggi ultravioletti:

  • gli UVA promuovono la formazione della melanina e quindi l’abbronzatura
  • gli UVB sono più dannosi degli UVA, aumentando il rischio di cancro, ma attivano il metabolismo della vitamina D
  • gli UVC, i più pericolosi per l’uomo, sono schermati dallo strato di ozono dell’atmosfera

Le creme solari quindi aiutano a schermare gli UVA e gli UVB e il fattore di protezione, che può andare da 6 a oltre 50, indica la percentuale di raggi UVB filtrati:

  • un SPF 50 offre uno schermo dai raggi UVB pari al 98%
  • un SPF 30 uno pari al 97%
  • un SPF 15 uno pari al 93%, ecc.

In altre parole le creme che hanno un maggiore SPF non fanno abbronzare di meno, ma più lentamente, con meno rischi di eritemi, scottature e cancro, e l’abbronzatura dura di più.

Importante: le creme non vanno spalmate sul momento ma almeno 20 minuti prima di esporsi al sole perché la pelle deve assorbire. Inoltre occorre rimetterle ogni 2 ore, a meno che non si faccia il bagno perché in tal caso occorre farlo prima.

creme solari raggi uvb