Avete mai sentito parlare di triage ospedaliero o infermieristico? Di seguito troverete tutte le informazioni per capire di cosa si tratta quando vi recate al Pronto Soccorso.

Forse vi è capitato di dover andare in ospedale perché avevate bisogno di cure mediche immediate e all’ingresso vi siete trovanti davanti al banco del “triage“. Magari siete rimasti un po’ sorpresi perché non avevate mai sentito questa parola. Se volete saperne di più, ecco le spiegazioni che cercavate.

LEGGI ANCHE: PRIMO SOCCORSO: GLI ERRORI DA EVITARE IN ATTESA DEGLI ESPERTI

Il triage ospedaliero

Infermiera. triage infermieristico

Il triage ospedaliero è una sorta di “accettazione” del paziente che arriva al Pronto Soccorso. Significa che una persona che ha bisogno di cure mediche, nel momento in cui arriva in ospedale, viene “valutata” da un infermiere. In realtà, ad essere valutate sono le sue condizioni cliniche. Infatti in base alla gravità dei suoi sintomi, l‘infermiere che effettua il triage assegna al paziente un codice di diversi colori.

I colori corrispondono a diversi gradi di urgenza e sono:

  • Codice bianco. È il codice di minor gravità. Indica infatti che non c’è nessuna urgenza relativa alle cure da prestare.
  • Codice verde. Questo tipo di codice viene attribuito a quei pazienti che presentano dei sintomi da controllare, ma che comunque non costituiscono un pericolo  per la loro vita.
  • Codice azzurro. Questo colore indica una situazione seria ma stabile, senza possibili evoluzioni.
  • Codice arancione. In questo caso il paziente presenta una situazione compromessa, che richiede cure urgenti.
  • Codice rosso.  Si assegna il codice di questo colore alle situazioni più gravi, che necessitano di cure mediche immediate e tempestive.

Chi si occupa del triage?

Come accennato prima, il triage viene effettuato dal personale infermieristico. Gli infermieri ricevono un’adeguata formazione, proprio per essere in grado di compiere in poco tempo la valutazione del paziente.

L’ infermiere svolge la procedura di triage attraverso tre momenti fondamentali:

  1. Esame visivo. Nel momento in cui il paziente si presenta al Pronto Soccorso l’infermiere valuta rapidamente le condizioni dell’ammalato, basandosi su un giudizio visivo del suo stato e dei suoi sintomi.
  2. Anamnesi. L’anamnesi consiste nella raccolta dei dati del paziente relativi sia ai sintomi che presenta sia alle altre malattie di cui eventualmente soffre.
  3. Assegnazione del codice di triage. Questa è l’ultima fase, in cui l’infermiere, sulla base dell’esame visivo e dell’anamnesi, stabilisce ed assegna il codice di priorità, ovvero il codice di triage e programma il percorso terapeutico più adatto al paziente.

Pronto soccorso, triage infermieristico