Cos'è la glicemia e quali sono i valori di riferimento

I valori della glicemia devono essere controllati e mantenuti entro un certo limite. Scopriamo cos’è la glicemia e quali sono i valori oltre i quali bisogna preoccuparsi.

I valori della glicemia indicano la concentrazione nel sangue di glucosio, nutriente molto importante per il nostro organismo, prelevato dalle cellule direttamente dal sangue.

Il glucosio può essere sintetizzato dall’organismo stesso sia mediante lipidi che protidi, tuttavia, la principale fonte da cui attingere questo nutriente restano gli alimenti.

La glicemia viene mantenuta costante grazie al lavoro di ormoni ipoglicemizzanti che la abbassano o la innalzano, a seconda dei casi.

Glicemia: quali sono i valori

Cos'è la glicemia e quali sono i valori di riferimento

In genere, nei soggetti sani che svolgono una regolare attività fisica e seguono un regime alimentare equilibrato, l glicemia si mantiene entro valori che variano tra i 60 e i 130 mg/ dL. Valori questi che possono cambiare a digiuno tra i 70 e i 110 mg/ dL. Oltre questi valori, si è in presenza di una condizione che va tenuta sotto controllo cambiando il proprio stile di vita.

Si parla, invece, di diabete quando i valori sono eguali o superiori ai 126 mg/ dL. In questo caso, diventa molto importante monitorare la glicemia cercando di mantenerla costante durante l’arco della giornata.

Leggi anche: COME PREVENIRE IL DIABETE A TAVOLA: 5 ABITUDINI EFFICACI

Le persone affette da questo disturbo, infatti, monitorano giornalmente i livelli di glucosio nel sangue, svolgendo delle misurazioni con l’uso del glucometro che, attraverso la puntura del polpastrello, è in grado di individuarne i valori.

Si tratta dunque di uno strumento molto utile che può essere utilizzato tranquillamente a casa.

In caso di glicemia alta è importante prestare molta attenzione all’alimentazione, scegliendo con cura soprattutto la frutta da consumare a causa del suo elevato contenuto di zuccheri. La scelta deve ricadere soprattutto sugli agrumi come, ad esempio, l’arancia grazie all’elevato quantitativo di fibre.

Da evitare, invece sono bevande zuccherate, dolci e carni eccessivamente grasse.

Leggi anche: LO ZUCCHERO BIANCO CAUSA TUMORI? LA RISPOSTA DEGLI ESPERTI

Cos'è la glicemia e quali sono i valori di riferimento