coprifuoco italia europa

Coprifuoco: le regole in vigore in Italia e in Europa. Tutte le informazioni Paese per Paese.

La pandemia di Covid-19 ci ha costretti a lunghi periodi chiusi in casa. Dopo il lockdown duro della primavera del 2020, con la seconda ondata di contagi, in autunno, è arrivato il coprifuoco in Italia e in Europa. I governi lo hanno introdotto per contenere la circolazione delle persone, e del virus, evitando le chiusure totali come nei mesi precedenti.

In Italia il coprifuoco è stato introdotto a inizio novembre 2020, con orario dalle ore 22.00 alle ore 5.00 del mattino seguente. La Francia lo aveva adottato prima di noi, già da metà ottobre 2020, e con orari ancora più rigidi, dalle 19.00 alle 6.00. Altri Paesi europei hanno seguito lo stesso esempio.

Dopo sei mesi dalla sua introduzione, l’Italia ha cominciato a rivedere il coprifuoco: dal 19 maggio l’orario di inizio è stato spostato alle 23.00, poi dal 7 giugno alle 24.00, finalmente, dando maggiore libertà a chi vuole andare a cena alla sera, al cinema, a teatro o semplicemente a fare una passeggiata nelle serate ormai estive.

Nel frattempo, nelle Regioni italiane che sono diventate zona bianca, l’area di minor rischio contagi, il coprifuoco è stato eliminato. Di seguito vi segnaliamo come evolverà la situazione, se tutto andrà bene con i dati sull’epidemia, e come si regolano gli altri Paesi europei.

Coprifuoco: le regole in Italia e in Europa

coprifuoco italia europa

Da lunedì 7 giugno, gli italiani diventano come Cenerentola: a casa entro mezzanotte. Ed è una conquista, perché dopo lunghi mesi chiusi in casa dalle 22.00 alle 5.00 e la breve parentesi dal 19 maggio con l’orario di inizio spostato alle 23.00, ora il coprifuoco in Italia scatta alle 24.00, senza più ansie per chi esce alla sera.

Va ancora meglio per le Regioni italiane entrate in zona bianca, dove il coprifuoco è stato eliminato. Queste Regioni sono solo sette, ancora, ma se i dati sull’epidemia si manterranno buoni, saranno raggiunte dalle altre Regioni italiane e a fine giugno tutta Italia dovrebbe diventare bianca. In ogni caso, il governo ha previsto, con il decreto legge del 18 maggio, la cancellazione del coprifuoco il 21 giugno.

Le Regioni in zona bianca dove non è previsto il limite del coprifuoco: Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna (dal 31 maggio); Abruzzo, Umbria, Liguria e Veneto (dal 7 giugno).

LEGGI ANCHE: RIAPERTURE I ZONA BIANCA, LE LINEE GUIDA

Coprifuoco negli altri Paesi europei

Come si regolano gli altri Paesi in Europa? In alcuni il coprifuoco è stato già abolito, in altri verrà posticipato in questi giorni. In altri ancora resta in vigore.

  • Spagna: il coprifuoco è stato tolto già il 9 maggio. Alcune Comunità Autonome hanno mantenuto la restrizione.
  • Francia: dal 9 giugno l’orario di inizio del coprifuoco è spostato dalle 21.00 alle 23.00.
  • Germania: coprifuoco dalle ore 22.00 nelle zone di maggior contagio.
  • Grecia: coprifuoco in vigore dalle 00.30 alle 5.00.
  • Belgio: coprifuoco cancellato l’8 maggio.
  • Austria: eliminato il 9 maggio.
  • Olanda: niente più limitazioni alla circolazione notturna dalla fine di aprile.
  • Regno Unito: cancellato ad aprile.
  • LEGGI ANCHE: PRANZI DI MATRIMONIO CON IL GREEN PASS, COSA BISOGNA SAPERE

coprifuoco italia europa