Digestione: quali sono i tempi

I tempi della digestione possono variare in base ad una serie di fattori. Scopriamo insieme quali.

In genere, una persona sana impiega un giorno per liberarsi dei residui di cibo ingeriti. I tempi, tuttavia, non sono sempre uguali dato che questi dipendono da alcuni fattori.

Di seguito, vi sveliamo quali sono i tempi necessari per la digestione e quali sono i fattori che incidono sui processi digestivi.

Digestione: quali sono i tempi

Se a colazione consumiamo del tè, del caffè o del succo di frutta, i tempi di digestione sono piuttosto brevi poiché si aggirano intorno ad una trentina, quarantina di minuti. Se, però, ad una di queste bevande, vengono abbinati biscotti, delle fette biscottate o, ad esempio, del miele, il discorso cambia.

In questo caso, infatti, occorreranno da un’ora e mezza alle due ore che possono anche aumentare se consumiamo una fetta di torta o del pane con la marmellata.

Digestione: quali sono i tempi

A pranzo, per digerire un piatto di pasta condita con un filo di olio sono sufficienti circa due ore, tempi che aumentano se invece la consumiamo condita con il ragù o del soffritto. In questo caso, infatti, sono necessarie almeno 3 ore.

Leggi anche: SGONFIARE LA PANCI: CON QUESTO PORTENTOSO INFUSO SI PUO’!

Se a cena, consumiamo della carne o del pesce, è importante valutare il metodo di cottura per riuscire a capire i tempi necessari per digerirli. Se, infatti, vengono soffritti o cucinati con eccessivo condimento, saranno necessarie dalle 3 alle 4 ore.

Com’è ovvio, si tratta di tempi indicativi poiché sul processo digestivo possono influire un grande numero di fattori come, ad esempio, l’età. Nelle persone più in là con gli anni, infatti, i tempi aumentano poiché l’organismo comincia ad essere meno efficiente.

Anche lo stress può avere delle ripercussioni sulla digestione dato che si verifica un aumento della produzione di adrenalina e cortisolo, ormoni che inibiscono la digestione.

Leggi anche: CATTIVA DIGESTIONE: COME RICONOSCERLA E PORVI RIMEDIO

Infine, chi pratica attività fisica rallenta il proprio metabolismo e quindi i dati citati potrebbero subire qualche variazione.

Digestione: quali sono i tempi