Tonno con bisfenolo, quale marca non comprare

Salvagente ha condotto un test sulle marche di tonno in scatola volto a scovare l’eventuale presenza o meno del bisfenolo, sostanza particolarmente nociva per al salute. Ecco qual è la marca da non comprare assolutamente.

Il tonno in scatola è un alimento molto apprezzato e consumato sia per la sua praticità che per il suo gusto. A tal proposito, però, Salvagente ha condotto uno studio molto interessante volto a capire quali sono le marche di tonno in scatola in cui è presente la maggior quantità di bisfenolo.

Bonus 500 euro prima della fine di agosto, cosa bisogna fare

Ciò detto, di seguito vi sveliamo qual è la marca di tonno in scatola che è stata interessata dal richiamo e che dunque è assolutamente sconsigliato

Tonno con bisfenolo: ecco quale marca ha dovuto ritirare i suoi prodotti

Bonus 500 euro prima della fine di agosto, cosa bisogna fare

Nello specifico, sono state analizzate ben 6 marche di tonno in scatola e va detto che, in ogni caso, è stata riscontrata la presenza di bisfenolo, pur sempre nei limiti stabiliti dalla legge. Tuttavia, nonostante questo i rischi per la salute dell’uomo restano. L’assunzione di bisfenolo, difatti, può essere molto nociva per questo bisogna assolutamente che ciò accada.

In particolare, la sostanza in esame risulta essere in grado di agire in maniera negativa sul sistema endocrino creando uno squilibrio ormonale che può inficiare sulla capacità riproduttiva. Tali conseguenze sono maggiori nel caso in cui vi sia un’esposizione prolungata alla sostanza che aumenta il rischio di ammalarsi di tumore, in particolare quello alla mammella.

Va detto, in ogni caso, che il bisfenolo purtroppo è presente in moltissimi prodotti non solo alimentari. Basti pensare, infatti, che è possibile trovarlo nei fogli che si utilizzano per la stampante o ancora sugli scontrini fiscali. E’ anche vero che nonostante non sia ancora stata accertata la sua pericolosità, è stata disposta una severa limitazione della sostanza in esame da parte dell’Unione Europea. Alla luce di questo, il consiglio è quello di evitare in linea di massima di consumare spesso cibi in scatola e di prediligere cibi freschi come anche frutta e verdura dove la presenza di bisfenolo risulta essere scongiurata.  Pur non essendo stata accertata mediante studi scientifici la tossicità del bisfenolo, è bene limitarne il consumo in attesa di ulteriori conferme.