Anemia, cos’è e cosa comporta: come capire se l’abbiamo e come intervenire

L’anemia é un problema molto diffuso, tutti ne possiamo soffrire, ma che cos’è questo disturbo e cosa comporta? Come facciamo a capire se l’abbiamo anche noi? Tante domande a cui daremo risposta e scopriremo come intervenire.

L’anemia è un problema molto diffuso, in questo articolo cercheremo insieme dincapire cos’è e cosa comporta , come capire se l’abbiamo è come intervenire su di essa. Innanzitutto cerchiamo di capire cos’è l’anemia: L’anemia è una situazione in cui il numero di globuli rossi non è sufficiente a trasportare abbastanza ossigeno da soddisfare i bisogni dei diversi tessuti e organi del corpo. In realtà sono presenti diverse tipi di questo disturbo, ciascuna è causata da diversi fattori.

anemia

Questa patologia, può essere causata da una dieta in cui è notevolmente ridotto l’apporto di ferro. Si tratta di una situazione abbastanza rara, in quanto un’alimentazione cirretta consente di assumere la giustela dose di ferro, ma può comunque essere collegata a disturbi alimentari o diete troppo drastiche.
L’anemia può essere anche una condizione fisiologica, come ad esempio in gravidanza.

Il consiglio degli esperti

I medici del settore, per contrastare questa patologia, consigliano diete che contengano: Acido folico che è presente il frutti e agrumi, banane e verdura a foglia scura , oltre che nei legumi. La vitamina b12 che è presente nella carne, nei crostacei e nei latticini. Vitamina c presente negli agrumi, melone, broccoli, peperoni. Ferro contenuto da carne, frutta secca e legumi.

I sintomi

I sintomi dell’anemia possono essere stanchezza, mancanza di respiro, pallore, capelli fragili, unghie fragili. Anche dagli occhi si può vedere se si è anemici, se l’interno della palpebra inferiore è pallido nei può avere il sospetto di anemia, ovvero di bassi livelli di emoglobina nel sangue.
Una diagnosi si anemia, può essere fatta anche tramite prelievo del sangue, chiedendo di fare gli esami di emocromo, la sideremia, transferrina e la ferritina.
I medicinali invece utilizzati per la cura di questa patologia sono i sali ferrosi assunti per via orale ed il solfato ferroso, ferro fumarato, ferro destrano, ferro carbonile, ferro saccarato e ferro gluconato.

Nei casi più gravi

Nell’anemia piú grave si può essere soggetti a crampi dolorosi alle gambe sotto sforzo, dispnea,dolore toracico, specialmente se il paziente ha già problemi circolatori agli arti inferiori, malattie polmonari o cardiache.
Si puó prevenire l’anemia adottando un’alimentazione varia, con un giusto apporto di carne rossa, verdure a foglia verde, frutta secca, pollo, frutti di mare, fagioli e alimenti ricchi di vitamina C.
L’importante in caso di questo tipo di problema, è rivolgersi al proprio medico di fiducia, che farà una corretta diagnosi e darà una giusta cura.