Positivo al covid, cosa devi fare adesso e per i prossimi giorni

Quando si è positivo al covid è importante sapere cosa fare adesso e per i prossimi giorni. Ecco tutte le informazioni utili per chi si trova in questa situazione.

Per chi risulta positivo al covid ci sono nuove regole previste dalla legge alle quali bisogna necessariamente adattarsi. Il Ministero della Salute, infatti, sta lavorando ad un nuovo meccanismo previsto per coloro che risultano positivi al tampone. La circolare potrebbe essere emanata proprio a breve.

Positivo al covid, cosa devi fare adesso e per i prossimi giorni

Alla luce di quanto appena detto, scopriamo insieme quali sono queste nuove regole a cui bisogna attenersi una volta scoperto di essere positivo al covid. Ecco cosa devi sapere al riguardo.

Positivo al covid: ecco come bisogna comportarsi

Positivo al covid, cosa devi fare adesso e per i prossimi giorni

Il Ministero della Salute sta lavorando per consentire a coloro che risultano negativi al covid di uscire dall’isolamento prima dei 7 giorni ad oggi previsti. Nei pazienti che non manifestano sintomi, in particolare, si sta pensando di prevedere la possibilità di interrompere la quarantena nel caso in cui risultino negativi prima dei sette giorni previsti.

Attualmente, infatti, la legge prevede di trascorrere minimo sette giorni prima di poter tornare in libertà dopo, com’è ovvio, aver effettuato un tampone con esito negativo. A giorni, potrebbe essere pubblicata la circolare del ministero della Salute in ritardo rispetto a molti paesi esteri dove è previsto l’isolamento di soli 5 giorni come, ad esempio, in Spagna, in Germania e negli Stati Uniti.

Al riguardo si sono espressi diversi esperti. In particolare, il noto Matteo Bassetti, ha fatto sapere che si tratta di un intervento che doveva essere attuato già molti mesi fa. Questo, infatti, secondo l’esperto avrebbe evitato di condurre l’Italia in una situazione di grande difficoltà vissuta in particolare dagli albergatori e da coloro che operano nel settore turistico. Molti lavoratori infatti si trovano costretti a stare a casa facendo venire meno diversi servizi. Per l’altrettanto noto virologo Fabrizio Pregliasco, invece, la riduzione dell’isolamento è un intervento da attuare nel caso in cui i casi comincino a diminuire sensibilmente. In caso contrario, infatti, si potrebbe assistere ad un’onda di casi che potrebbero andare a mettere in seria difficoltà il sistema sanitario nazionale.