Google va in pensione: ecco chi ha preso il suo posto

Il noto strumento di ricerca Google sta cedendo il posto ad altre piattaforme: ecco quali sono quelle che stanno allontanando sempre di più i giovani dal cercare su Google

Google non è altro che un moto di ricerca che mediante delle parole chiave consente di eseguire delle ricerche appunto in maniera molto facile ed intuitiva. Con il tempo però molte più persone si stanno allontanando da questo strumento prediligendo invece altre piattaforme.

Google va in pensione: ecco chi ha preso il suo posto

Dai dati alla mano, sempre più persone preferiscono fare le loro ricerche ricorrendo ad altre piattaforme rispetto a Google. Pare, in particolare, che ricercare su questo motore di ricerca sia diventata una pratica da vecchi.

Google: sempre più giovani hanno smesso di utilizzarlo

Google va in pensione: ecco chi ha preso il suo posto

In virtù dei dati raccolti dall’azienda di Mountain View, il vicepresidente di Google Prabhakar Raghavan ha spiegato che l’attività di eseguire ricerche su Google così come di utilizzare Google Maps stanno cadendo in disuso tra i giovani. Questi infatti pare siano sempre più orientati verso alte piattaforme e nello specifico Tik Tok e Instagram. A tal proposito, la società omonima ha condotto un sondaggio coinvolgendo diversi utenti americani con età compresa tra i 18 e i 24 anni. Ebbene, poco meno del 40 per cento dei partecipanti ha rivelato che preferisce utilizzare i social network per cercare un posto dove recarsi. I social più utilizzati in particolare come accennato sopra sono risultati Instagram e Tik Tok.

Questo inevitabilmente starebbe per far perdere l’utenza all’azienda di Mountain View che per evitare il peggio starebbe decidendo di intervenire potenziando le funzionalità. Nello specifico, l’obiettivo sarebbe quello di aggiungere ulteriori funzionalità aumentando la realtà 3d. Secondo gli esperti della società, infatti, i giovani amano forme immersive e  ricche quando effettuano le loro ricerche. Non solo, Google starebbe anche in trattativa con i social network affinché il motore di ricerca omonimo indicizzi proprio i video di Instagram e TikTok.

Alla luce di quanto appena detto, non c’è dubbio che le nuove generazione hanno mutato nel corso del tempo i loro gusti e per questo è fondamentale per l’azienda di Mountain View evitare di perdere una fetta di utenza importantissima e senz’altro metterà in atto tutto quello che è in suo potere per evitarlo.