Viva il mare, il sole e l’estate, tutti a divertirsi in acqua, ma cosa succede se subite la puntura di una tracina? Ecco cosa non dovremmo mai fare e cosa si

Bella l’estate vero? La prima cosa a cui pensiamo é il sole la spiaggia è il mare, soprattutto i bambini adorano tuffarsi in acqua e divertirsi con gli amici, ma come tutte le cose belle ache il mare nasconde delle piccole insidie, oggi parleremo di piccole creature nello specifico le tracine o pesci ragno, piccoli esseri che sostano sul fondo del mare e sono davvero fastidiosi. Sapevate che possono mordere? Ecco perché oggi parleremo di cosa non dovremmo mai fare e cosa si, se si subisce una puntura di tracina.

puntura di tracina cosa fare e cosa no

Le tracine sono piccoli esseri che sostano e si mimetizzato sul fondo del mare, fa tantissime vittime nel periodo estivo, fortunatamente il suo morso non é letale, ma a detta di molti é dolorosissimo. É impossibile poterla vedere sul fondo del mare i suoi colori sono molto particolari e in genere ha la brutta abitudine di sostare in acque poco profonde quindi chiunque, bambini compresi possano accidentalmente imbattersi in questo piccolo e fastidioso esserino solitamente presente in Italia in piccole dimensioni che possono variare dai 10 ai 15 centimetri, ma alcune specie possono arrivare anche a 30.

Cosa provoca la puntura di tracina

La puntura di tracina come anticipato é dolorosissima, inietta molecole tossiche di natura proteica, tra cui la dracotossina. Nel mix velenifero sono presenti anche l’istamina e la serotonina. Il dolore dopo la puntura é intenso e può durare molto tempo, anche oltre le 24 ore, e che può diffondersi per tutto l’arto interessato. Nell’area in cui ci si è punti, solitamente, si manifestano rossore e gonfiore e, nelle situazioni più gravi, possono comparire anche nausea, vomito e febbre.

Intervenire tempestivamente in questi casi é la cosa più importante, più si é rapidi e meno danni può fare, é bene quindi sapere come agire e cosa non dovremmo mai fare. Abbiamo alcuni consigli in merito che sono utilissimi per evitare peggiorare solo la situazione, spesso infatti pensiamo istintivamente di agire in modo corretto ma non é così.

Cosa non fare quando si subisce una puntura di tracina

Dopo la puntura di tracina é fondamentale sapere cosa può davvero aiutare a lenire il dolore. Ci sono alcune cose che sicuramente é bene che si sappiano per limitare il più possibile danni e dolore per ore.

Agire tempestivamente, più tempo passa prima di agire più intenso e persistente sarà il dolore nel tempo

Ripulire immediatamente la zona colpita eliminando sporcizia e residui presenti

Eliminare con una pinzetta eventuali spine presenti

Immergetere la zona colpita subito in acqua molto calda, servirà a rimuovere meglio non solo le spine perché la pelle si ammorbidisce, ma anche per far passare prima il dolore in quanto le tossine iniettate dalla tracina perdono efficacia

Mentre si attende l’acqua si può mettere il piede nella sabbia molto calda

tracina

Cosa può aiutare a prevenire una puntura

Per prevenire la puntura di tracina visto che la zona colpita é in genere il piede, un aiuto in merito potrebbe essere quella di indossare sandali o scarpine per il mare. Inoltre dopo la puntura può essere necessario l’uso di cortisonici o antibiotici e talvolta anche di profilassi antitetanica.