Come riconoscere e capire se un neo è sospetto con i consigli del dott. Di Pietro

Con questi semplici consigli potrete riconoscere se il vostro neo è un possibile tumore della pelle. Ecco come dovete fare

I nei vengono spesso sottovalutati, eppure trascurarli può essere davvero pericoloso. Osservate bene i vostri nei e fate caso ad eventuali cambiamenti, o alla loro forma e dimensione. Può essere davvero un salvavita. Sebbene infatti sia normale e non allarmante il cambiamento di un neo, anche loro infatti possono crescere e modificarsi, a volte può essere la spia di un problema ben più serio.

Come riconoscere e capire se un neo è sospetto con i consigli del dott

Se si trasformano infatti potrebbe trattarsi di un melanoma, un aggressivo tumore della pelle. Eliminarlo in tempo e curarlo può dare un’ottima prognosi al paziente, ma se trascurato può trasformarsi in qualcosa di pericoloso.

Non sottovalutare i tuoi nei, potrebbero essere un tumore della pelle. Ecco cosa devi fare

Come riconoscere e capire se un neo è sospetto con i consigli del dott

Il professor Antonino di Pietro, direttore scientifico dell’Istituto Dermoclinico Vita Cutis di Palazzo della Salute – Wellness Clinic, interpellato dal Gruppo san Donato ha dato qualche consiglio sul corretto monitoraggio della situazione dei propri nei. E’ importante intanto sottoporsi a periodici controlli, ed eseguire una mappatura delle proprie “macchie” sulla pelle, un esame che permette di controllare eventuali cambiamenti e individuare i nei potenzialmente pericolosi.

Esistono infatti diversi tipi di nei, e alcuni di questi possono avere delle caratteristiche che li rendono sospetti. A spingere a maggiori controlli e a far pensare devono essere una comparsa o un cambiamento repentino o improvviso. Potrebbe infatti segnalare l’inizio di un melanoma. E’ molto importante considerare anche la forma dei nei. Nei asimmetrici, o superiori al mezzo centimetro, di colore non uniforme, una quantità di nei che supera i cento sono tutti segnali di possibili melanomi. E’ necessario quindi farsi controllare e accertarsi della natura dei nei.

E’ importante che ognuno segua l’andamento dei propri nei utilizzando il metodo ABCDE, ovvero asimmetria (forme irregolari o asimmetriche), bordi (frastagliati o irregolari), colori (i nei devono essere color marrone testa di moro, negli altri casi vanno controllati), dimensione (da controllare quelli maggiori di 6 mm) ed evoluzione (valutare controlli se si notassero repentini cambiamenti).

In caso si verifichi una di queste situazioni è opportuno rivolgersi quanto prima ad un dermatologo che sappia analizzare la struttura del neo e le sue caratteristiche e valutare se si tratta di un normale neo oppure di un ben più pericoloso tumore della pelle da eliminare.