Piercing all’orecchio: come evitare l’infezione

Il piercing all’orecchio è di gran tendenza tra giovani e non, curarlo bene però è difficile: ecco come evitare l’infezione. 

Il piercing all’orecchio consiste nella perforazione di questa particolare zona del corpo per introdurvi gioielli di vario tipo, dimensione e materiale. In particolar modo, esistono numerosi punti dell’orecchio che possono essere forati: quelli più comuni sono i lobi. 

piercing orecchio infezione - 20220213 Nonsapeviche.com

Quando si decide di sottoporsi a tale perforazione, è importantissimo rivolgersi ad un piercer o un laboratorio qualificato e autorizzato dall’attività competente sul territorio. Il pericolo, infatti, è quello di incombere in infezioni difficili da curare e che possano mettere seriamente a rischio la propria salute.

Ugualmente importante, poi, è anche la cura fino alla guarigione che andrà affrontata a quotidianamente a casa. Ecco qualche consiglio per evitare l’infezione e per far sì che la zona possa guarire bene. 

Cosa fare dopo il piercing all’orecchio: ecco come evitare le infezioni

piercing orecchio infezione - 20220213 Nonsapeviche.com

Nell’esecuzione di un piercing all’orecchio, come in tutte le altre zone del corpo, l’igiene è fondamentale. Il piercer dovrà utilizzare strumenti sterili che scongiurino qualsiasi danno a carico di chi vi si sottopone. 


LEGGI ANCHE: Piercing all’ombelico: come si cura e quali sono i rischi


Fondamentale, inoltre, è anche la cura che si dovrà eseguire nei giorni ( o addirittura nei mesi) successivi alla foratura. Un piercer professionale e che rispetta tutti i parametri igienico-sanitari non scongiura la possibilità d’infezione: grande cura deve essere tenuta anche da chi vi si sottopone nelle settimane successive.

Infatti, i tempi di guarigione previsti cambiano in base alla zona d’interesse: un banale piercing ai lobi guarisce, generalmente, in 6-8 settimane mentre quelli che interessano le cartilagini possono impiegare anche un anno. 

Ecco qualche consiglio per scongiurare ogni infezione ed evitare di mettere a repentaglio la propria salute.

Evitare l’infezione dopo il piercing all’orecchio: con questi consigli è facile

Se dopo aver effettuato un piercing all’orecchio dovesse fuoriuscire del liquido trasparente o chiaro e inodore dalla ferita potete stare tranquilli. Non si corre nessun rischio ed è soltanto la normale difesa dell’organismo nei confronti del corpo estraneo appena introdotto. 


LEGGI ANCHE: Piercing al naso: come si esegue e quali sono i rischi


Tuttavia, in questa particolare fase bisogna fare molta attenzione perché le infezioni sono davvero dietro l’angolo e prevenirle comporta una particolare meticolosità nelle operazioni di pulizia. Prima di toccare la parte interessata, infatti, occorre avere le mani sempre pulite e perfettamente igienizzate.

Fino alla completa guarigione, inoltre, occorrerà lavare bene la zona almeno due volte al giorno: si consiglia, comunque, di non superare le tre volte al giorno per evitare che la zona possa ulteriormente infiammarsi. 

Il gioiello, poi, può essere deterso con un apposito sapone antibatterico non aggressivo.

piercing orecchio infezione - 20220213 Nonsapeviche.com