Esame dell’emocromo attenzione ai suoi valori, quando c’è da preoccuparsi

I valori dell’emocromo devono essere controllati periodicamente. A tal proposito, scopriamo insieme quando bisogna fare attenzione ai suoi valori.

L’emocromo rappresenta un esame diagnostico davvero molto importante per cui bisogna fare molta attenzione a quelli che sono i valori che, talvolta, devono preoccupare.

Esame dell'emocromo attenzione ai suoi valori, quando c'è da preoccuparsi

Questa tipologia di esame di fatti rappresenta uno dei sistemi più efficaci per valutare la situazione clinica di un paziente, in poche parole, la sua condizione generale di salute. Scopriamo insieme quand’è che i valori devono essere considerati un campanello d’allarme lanciato dal nostro corpo.

Esame dell’emocromo: ecco quando preoccuparsi

Esame dell'emocromo attenzione ai suoi valori, quando c'è da preoccuparsi

Nello specifico, attraverso l’emocromo è possibile conoscere una serie di importanti informazioni tra cui:

  • numero globuli rossi, globuli bianchi e piastrine;
  • percentuale tipologia globuli bianchi;
  • forma e dimensione globuli rossi e piastrine.

Ciò detto, molte persone si chiedono quali siano i valori che devono destare preoccupazione. Prima di rispondere a questa domanda, va precisato che anche i pazienti sani possono e devono sottoporsi a questo esame in modo tale da individuare eventuali infezioni in atto. Chiarito questo, bisogna fare particolare attenzione ai valori di emoglobina ed ematocrito. Nel primo caso, si tratta di una proteina che trasporta l’ossigeno e che si trova nei globuli rossi. Nel secondo caso, si fa riferimento al rapporto che intercorre tra volume dei globuli rossi nonché del sangue nella sua totalità. Quando si verificano variazioni per difetto o per eccesso, è sintomo di qualche problema in atto. In generale, possiamo dire che valori bassi indicano la presenza di anemia, mentre valori alti possono essere la spia di neoplasie e infezioni in atto.

Detto ciò è chiaro che, nel caso i valori dovessero risultare alterati, bisogna recarsi in maniera tempestiva dal proprio medico di famiglia che attraverso un’attenta lettura del referto medico stabilirà le misure da adottare e, di conseguenza, la gravità o meno della propria condizione clinica . Ricordate che variazioni dei valori dell’omocromo sono sempre la spia di qualche problema che interessa il nostro organismo, di conseguenza, trascurando questi segnali di allarme si pull andare incontro a problemi anche gravi di salute che possono mettere potenzialmente a rischio la propria vita.

Esame dell'emocromo attenzione ai suoi valori, quando c'è da preoccuparsi