Sono diverse le cause che comportano l’infertilità femminile, tra queste ci sono l’età della donna, le disfunzioni ormonali ma anche le malattie dell’apparato riproduttivo.
Avere un figlio è uno degli eventi più belli nella vita per molte donne. A volte, però, non è possibile rimanere incinta per diversi motivi che causano l’infertilità femminile. Tra questi ci sono il deterioramento degli ovociti dovuto per l’età, le disfunzioni ormonali, le malattie dell’apparato riproduttivo.
[caption id="attachment_42561" align="aligncenter" width="1280"]Infertilità femminile Infertilità femminile[/caption]
A parlare di questa problematica è la Dott.ssa Cristina Barbosa del Centro Demetra, specializzata in Ostetricia e Ginecologia. Secondo la specialista il primo vero motivo di infertilità è l’età della donna. Infatti, il momento migliore in cui cercare di avere figli è tra i 20 e i 25 anni. A seguito di questo periodo, la fertilità va a diminuire a seguito dei 35 anni e ancora di più dopo i 40. Questo accade perché gli ovociti si riducono di numero con il passare del tempo e tendono anche a invecchiare, ossia nel caso di fecondazione potrebbero dare vita a delle anomalie cromosomiche. 

Infertilità femminile, tutte le cause del problema

[caption id="attachment_42567" align="aligncenter" width="740"]Infertilità femminile Infertilità femminile[/caption]

Non solo l’età è un fattore determinante, ma anche la presenza di infezioni provocate da malattie sessualmente trasmissibili come la sifilide, la gonorrea e la clamidia. Spesso queste infiammazioni sono asintomatiche e può capitare, dunque, di non accorgersi dell’infezione in corso per diverso tempo mentre questa di diffonde silenziosamente all’endometrio e alle tube di Falloppio, causando sterilità. 

LEGGI ANCHE >>> Covid e infertilità, ecco cosa c’è da sapere sui veri effetti del virus e del vaccino

L’endometriosi è anche una causa di infertilità e consiste in una patologia che colpisce l’endometrio, la superficie interna dell’utero, fino alla cavità uterina e in generale l’apparato riproduttivo femminile. Quasi la metà delle donne che ne soffrono, sono anche sterili. Il sintomo più comune dell’endometriosi è il dolore agli organi riproduttivi nel periodo delle mestruazioni, durante l’ovulazione o anche nei rapporti sessuali.

L’ovaio policistico è alla base dell’infertilità femminile e causa un’eccessiva produzione di ormoni maschili da parte delle ovaie e delle ghiandole surrenali. Le ovaie si presentano più grandi e hanno un numero consistente di piccoli follicoli immaturi che si trasformano in cisti. Questa patologi causa problemi alla normale ovulazione, le mestruazioni sono irregolari o assenti.

LEGGI ANCHE >>> Come riconoscere l’ovulazione dal tuo corpo, ecco i segnali

A incidere sulla fertilità c’è anche l’abitudine del fumo, le cui sostanze tossiche quali nicotina, cadmio e benzopirene interferiscono con la maturazione degli ovociti. Tra i fattori determinanti dunque ci sono il numero di sigarette fumate quotidianamente e da quanto tempo si fuma. Non solo, anche il peso incide fortemente sula capacità di procreazione femminile a causa degli ormoni. Le donne con un peso eccesivo presentano anche una quantità sopra il normale di estrogeno, al contrario le donne troppo magre hanno una carenza di questo ormone fondamentale. Di conseguenza il ciclo mestruale è alterato così come la capacità riproduttiva.