Sono molte le persone che utilizzano lo smartwatch per usufruire delle tante funzioni di cui dispone. Ma non tutti sanno che può essere dannoso per la salute. 

Lo smartwatch è un dispositivo estremamente tecnologico che non solo consente di visualizzare l’orario facilmente, ma offre una serie di funzioni che aiutano a semplificare la vita di chi lo indossa.

Gli smartwatch possono essere dannosi per la salute: ecco cosa si è scoperto

Non a caso, sono tantissime le persone che decidono di ricorrere a questi dispositivi ignorando però l’allarme lanciato da diversi esperti in merito ai possibili problemi di salute conseguenti al loro utilizzo. Scopriamo quali sono.

Smartwatch: gli effetti negativi sulla salute delle persone

Gli smartwatch possono essere dannosi per la salute: ecco cosa si è scoperto

Tutti sono concordi nel considerare il dispositivo in questione estremamente utile, un vero e proprio gioiello tecnologico. Non tutti però sono a conoscenza del fatto che diversi esperti ne hanno voluto sottolineare i potenziali effetti negativi sulla salute.

Questi effetti sono legati al fatto che tramite lo smartwatch è possibile visualizzare i dati sanitari come, ad esempio, la frequenza cardiaca, le ore di sonno, attività, mediante sensori ECG e PPG.

Nonostante si tratti di funzioni indubbiamente molto utili, diversi esperti riferiscono che a lungo andare possono favorire la comparsa di stati d’ansia e stress.
Questo perchè si è portati a controllare continuamente lo stato della propria salute dando vita a veri e propri controlli compulsivi del battito cardiaco e così via.

Anche se da un lato, lo smartwatch ha il pregio di spingere le persone a mantenersi in forma, a svolgere attività fisica e a curare al propria salute, dall’altro può creare confusione per quanto riguarda i dati clinici relativi alla pressione sanguigna ma anche alla glicemia.

Senza contare poi che, come sottolineano molti esperti, non si tratta di dispositivi particolarmente precisi. Uno studio condotto dai ricercatori del North Carolina, di fatti, ha evidenziato che molto spesso i dati rilevati sono più negativi di quanto non lo siano in realtà.

In conclusione, dunque, è chiaro che quando si utilizzano questi dispositivi bisogna ricordare di non essere particolarmente maniacali nel controllare i dati relativi alla propria salute poiché questi potrebbero allarmare anche qualora non ce ne sia la necessità.