La demenza senile è una malattia neurodegenerativa: ecco come fare a riconoscerla in tempo. 

demenza senile

La demenza senile è una malattia a neurodegenerativa dell’encefalo che colpisce le persone più anziane. Essa comporta una riduzione lenta, graduale e irreversibile di tutte le facoltà cognitive. 

Si stima che almeno il 4% dei soggetti over 65 sia affetto da questa patologia, mentre nei più giovani i casi sono davvero rarissimi. Il fattore di rischio maggiore, infatti, è proprio l’età.

Demenza senile: riconoscerla per intervenire

demenza senile

Non tutti i soggetti anziani, prima o poi, svilupperanno una forma di demenza: ci sono anche persone di età avanzata con una mente davvero lucidissima.


LEGGI ANCHE: Noci e semi oleosi contro l’alzheimer, incredibile scoperta su questa frutta


Ovviamente, c’è da dire che dopo i 65 anni il cervello va incontro a un naturale processo di invecchiamento: il suo volume si riduce e vengono persi alcuni neuroni. Si perde lentamente, inoltre, anche la capacità di trasmettere i segnali nervosi. 

Ma non necessariamente si svilupperà la demenza senile!

I sintomi di questa patologia

Ci sono dei chiarissimi sintomi che presagiscono l’incombenza di questa malattia: sono utili, infatti, a riconoscerla in tempo prima della graduale morte delle cellule nervose celebrali.


LEGGI ANCHE:L’Alzheimer è ereditario? Ecco cosa dicono gli esperti


I suoi sintomi si presentano attraverso un percorso a tre stadi: quello iniziale, quello intermedio e, infine, quello avanzato. Tra i sintomi più caratteristici troviamo:

  • Piccole amnesie o dimenticanze
  • Sbalzi d’umore
  • Problemi di logica e calcolo 
  • Difficoltà nel linguaggio
  • Insonnia
  • Perdita della voglia di essere attivo
  • Depressione

Anche se la demenza senile è un processo irreversibile di cui non esiste cura, riconoscerla è diagnosticarla in tempo è utile. Il tempestivo intervento di uno specialista, infatti, può stoppare il processo degenerativo o, quantomeno, rallentarlo. 

demenza senile