Il Bonus prima casa esiste veramente, ecco a chi spetta e come fare per ottenerlo. Tutte le informazioni utili.

La scorsa primavera, con il Decreto Sostegni bis (decreto legge 25 maggio 2021, n.73) il Governo Draghi aveva introdotto il Bonus prima casa per i giovani under 36 anni. Ora una circolare dell’Agenzia delle Entrate precisa tutte le regole di applicazione dell’agevolazione.

bonus prima casa

È la circolare n.12 del 14 ottobre 2021, con tutte le norme sui criteri richiesti per l’ottenimento del Bonus prima casa giovani under 36 e le procedure da seguire.

Di seguito, in dettaglio, tutto quello che bisogna sapere sul Bonus prima casa per i giovani sotto i 36 anni di età, dai requisiti alle regole per ottenere l’agevolazione.

LEGGI ANCHE: BONUS PRIMA CASA, DALL’AGENZIA DELLE ENTRATE LA NOVITÀ PER CHI VIVE ALL’ESTERO

Il Bonus prima casa esiste veramente: a chi spetta e come ottenerlo

Il Decreto Sostegni bis (convertito dalla legge 23 luglio 2021, n. 106) ha introdotto una nuova agevolazione per l’acquisto della prima casa da parte dei giovani sotto i 36 anni di età e con un Isee non superiore a 40mila euro annui.

L’agevolazione prevede l’esenzione dall’imposta di registro, ipotecaria e catastale. In caso di acquisto soggetto a Iva, è riconosciuto un credito d’imposta di ammontare pari al tributo corrisposto in relazione all’acquisto.

È prevista, inoltre, l’esenzione dall’imposta sostitutiva per i finanziamenti erogati per l’acquisto, la costruzione e la ristrutturazione di immobili ad uso abitativo. Tutte queste agevolazioni si applicano agli atti stipulati tra il 26 maggio 2021 e il 30 giugno 2022.

I requisiti di base richiesti sono: non aver compiuto o non compiere 36 anni nell’anno in cui l’atto di acquisto della casa è stato concluso con rogito notarile; un reddito/patrimonio Isee non superiore a 40mila euro.

Il Bonus prima casa agli under 36 è riconosciuto: alle giovani coppe di coniugi o di conviventi da almeno due anni, di cui almeno uno dei due non abbia compiuto 36 anni;alle famiglie con un genitore solo, non convivente, con figli minori conviventi; giovani sotto i 36 anni e affittuari di case popolari.

Per ottenere il Bonus la casa acquistata deve essere “non di lusso”. Si tratta degli immobili inserite nelle categorie catastali da A/2, A/3, A4/, A/5, A/6, A7/, A/11. Sono escluse dal bonus le categorie A/1, A/8 e A/). Il bonus si applica anche alle pertinenze dell’immobile (come il garage).

L’agevolazione si applica anche agli immobili acquistati con asta giudiziaria. Invece, non è applicabile ai contratti preliminari di compravendita.

Maggiori informazioni sul sito web dell’Agenzia delle Entrate nella circolare n. 12 del 14 ottobre 2021.

bonus prima casa bonus prima casa