Esenzione dal bollo esistente, ecco chi può usufruirne e come fare. Le informazioni utili.

esenzione bollo

Per alcuni soggetti con disabilità è prevista l’esenzione del bollo auto. Non è però per tutti ma solo per chi rientra in una data categoria, disciplinata dalla legge. Ecco cosa bisogna sapere se si rientra nell’esenzione e cosa fare per ottenerla.

LEGGI ANCHE: ADDIO A IMU, TARI E BOLLO AUTO, CHI NON DOVRÀ PAGARE

Esenzione dal bollo esistente, ecco chi può usufruirne e come fare

I casi di esenzione dal pagamento del bollo auto sono regolamentati dalla legge e previsti per determinate situazioni e per alcuni soggetti, come gli individui con disabilità.

In particolare, possono evitare il pagamento del bollo i soggetti che hanno ottenuto il riconoscimento della loro condizione ai sensi della legge 5 febbraio 1992 n. 104 per l’assistenza, l’integrazione e i diritti delle persone portatrici di handicap. Questa legge riconosce lo stato di handicap della persona con disabilità e il suo diritto all’assistenza, all’integrazione sociale e alle agevolazioni fiscali, lavorative e per i loro familiari.

Tra le agevolazioni c’è anche l’esenzione dal bollo auto, ma ad alcune condizioni.

Casi di esenzione dal bollo auto per disabilità

esenzione bollo

Possono evitare il pagamento del bollo auto le persone di disabili ai sensi della legge 104:

  • disabili non vedenti o sordi;
  • i disabili pluriamputati o con gravi limitazioni della capacità di deambulare, affetti da handicap grave di cui al comma 3, dell’art. 3 della legge n. 104 del 1992.
  • disabili psichici o mentali, con gravità tale da avere una indennità di accompagnamento), affetti da handicap grave di cui al comma 3, dell’art. 3 della legge n. 104.

Queste condizioni di disabilità devono essere certificate da Commissioni mediche pubbliche di accertamento.

L’esenzione dal bollo auto per disabilità ai sensi della legge 104 è prevista per auto a benzina con motore fino a 2.000 centimetri cubici e per le auto diesel con motore fino a 2.800 centimetri cubici. Gli stessi previsti per l’acquisto di auto nuove o usate con Iva al 4%.

LEGGI ANCHE: BOLLO AUTO, ECCO COME RISPARMIARE

Presentazione della domanda

Per ottenere l’esenzione è necessario compilare l’apposito modulo di richiesta. L’esenzione dal bollo spetta sia quando l’auto è intestata alla persona disabile sia nel caso in cui è intestata a un familiare del quale la persona disabile è fiscalmente a carico.

Per presentare la domanda è necessario rivolgersi all’Ufficio Tributi della propria Regione. Nelle regioni in cui tali uffici non sono stati istituiti ci si può rivolgere all’ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate. Alcune regioni hanno una convezione con l’ACI per la gestione delle pratiche e ci si può rivolgere agli sportelli ACI per presentare la richiesta.

I documenti vanno presentati entro 90 giorni dalla scadenza del termine entro cui andrebbe pagato il bollo auto.

Informazioni sul sito dell’Agenzia delle Entrate: www.agenziaentrate.gov.it/portale/esenzione-permanente-dal-pagamento-del-bollo

esenzione bollo