La vitamina D è molto importante per la salute, l’organismo e perle ossa. Bisogna solo non esagerare altrimenti si può andare incontro a spiacevoli deficit.

La vitamina D svolge molteplici funzioni: mantiene sane la varie cellule del corpo, non rende solo forti le ossa mendiate il calcio nel suo interno.

Agisce anche come ormone che regola i vari organi, muscoli, sistemi e gestisce le varie infiammazioni. Utile da integrare insieme a una dieta sana e regolare grazie ad alcuni alimenti che ne posseggono all’interno, in modo da rendere stabili i livelli ematici ottimali.

Si consiglia di assumere meno o 4.000 UI al giorno, in modo da monitorare la regolarità del flusso sanguigno. Per integrare la vitamina D nel corpo si possono utilizzare integratori alimentari comuni, gocce solubili o compresse, da poter acquistare facilmente in farmacia.

Assicuratevi di acquistare solo integratori da produttori conosciuti e affidabili, in modo da in incappare in qualche sovradosaggio accidentale dovuta dall’etichetta poco chiara.

LEGGI ANCHE:  Carenza di vitamina D? Ecco tutto quello che dovreste sapere!

Troppa vitamina D nel corpo? Ecco cosa succede!

vitamina D

Essendo liposolubile, se assunta in quantità superiori può generare notevoli scompensi ormonali. Può provocare effetti gravi all’organismo come ipercalcemia, calcoli renali, indebolimento dello scheletro, danneggiamento di organi e fratture dopo mesi di somministrazioni. Durante i mesi di gravidanza viene sconsigliato alle donne, perché potrebbe compromettere la vita del feto dovuti agli effetti tossici.

Da poco è stato condotto uno studio dove sono stati esaminate più di 20.000 persone nel giro di 10 anni e si è scoperto che il 30% di loro hanno assunto troppa vitamina D e solo uno aveva superato i livelli di tossicità. Oltre ai vari sintomi sopracitati si possono includere anche vari disturbi digestivi, affaticamento, sete eccessiva, scarso appetito, intolleranze alimentari o sindrome dell’intestino irritabile.

Per evitare che si assuma troppa vitamina D si consiglia di utilizzare un’altra chiamata K2. Questo tipo agisce nel separare il calcio nelle ossa al di fuori del sangue. In commercio esistono molteplici integratori ed è possibile assumere vari cibi come latticini e carne.

LEGGI ANCHE:  Vitamina K, la vitamina “verde”: a che serve e dove si trova

vitamina D