Le mestruazioni sono un disturbo che tutte le donne devono affrontare ogni mese e possono essere seguite da vari sintomi, cause e forti dolori.

Dalla pubertà fino alla menopausa, una volta al mese le donne devono affrontare le mestruazioni.

La cellula uovo viene cacciata via mediante la fuori uscita di sangue e delle varie secrezioni mucose dovuta alla rottura dell’endometrio, il tessuto che ricopre la cavità uterina, dove risiede ovulo. Ciò può provocare molteplici dolori e vari disturbi.

Che cosa sono le mestruazioni?

Quesito

Spesso le donne invece di utilizzare il termine mestruazioni, utilizzano la parola ciclo, il che non è inesatto visto che il primo giorno di mestruazioni rappresenta il principio di un ciclo che ha la durata di 28 giorni.
Al momento in cui l’uovo non viene fecondato, si rigenera all’interno dell’utero, requisito valido per ospitare una nuova cellula. Nel caso in cui la prossima volta non dovesse riaccadere, si svolgerà il medesimo meccanismo.
Durante il ciclo mestruale, ogni donna deve affrontare un susseguirsi di disturbi che possono variare in base alla varietà e all’intensità.
Le mestruazioni oltre alle varie contrazioni dovute all’espulsione dell’uovo mediante il flusso di sangue, può provocare sbalzi ormonali che possono essere accompagnati da alcuni disturbi. Di solito, i disturbi si concentrano nel periodo antecedente alle mestruazioni, prendendo il nome di sindrome premestruale.
In base al dolore intenso, si parla di dismenorrea primaria o secondaria. La primaria non è legata a problemi del tratto urinario o dell’apparato riproduttivo, ma è dovuta dalla sub produzione di prostaglandine, provocando contrazioni spastiche e dolore all’utero. La secondaria invece, si limita alla presenza di alcune patologie come l’endometriosi, fibromi uterini o infezioni della cervice uterina.

Quali sono i sintomi della sindrome premestruale?

Dolori

La sindrome premestruale, chiamata comunemente disforia, rappresenta l’insieme dei vari disturbi che precedono le mestruazioni. Possono incominciare un paio di giorni prima e svaniscono di solito con l’arrivo delle mestruazioni.

Non tutte le donne soffrono di dolori premestruali, mentre per altre può essere una fase molto delicata e dolorosa, dove ai sintomi fisici si aggiungono anche quelli psicologici dovuti al forte stress che ne comportano. Ecco alcuni esempi di sintomi premestruali:

  1. stitichezza, mal di pancia e diminuzione/aumento dell’appetito;
  2. dolore all’utero, ovaie, seno e schiena;
  3. crampi, sensazione di gonfiore e nausea;
  4. ritenzione idrica;
  5. ansia, depressione, irritabilità, stanchezza o variazioni improvvise dell’umore;

I sintomi potrebbero peggiorare di gran lunga col passare del tempo, creando vari problemi seri, che potrebbero incidere sulla vita quotidiana, lavorativa, personale o familiare. È possibile che i dolori possano manifestarsi invece durante le mestruazioni, prendendo cosi il nome di dismenorrea e indica un ciclo mestruale molto doloroso.

LEGGI ANCHE:  Spirale contraccettiva: tutti i vantaggi e le controindicazioni!

Alcuni rimedi contro i dolori mestruali!

Rimedi

Ecco alcuni rimedi per alleviare e controllare i vari sintomi mestruali:
  • per attenuare il dolore alla testa, pancia o schiena, si possono utilizzare medicinali specifici, come i FANS. Sono farmaci antinfiammatori e antidolorifici non steroidei e possono essere acquistati senza prescrizione medica in farmacia o parafarmacia.
  • l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale durante il ciclo mestruale, molti nutrizionisti consigliano di diminuire il consumo di latticini e derivati, zucchero bianco e cereali. Si preferiscono cibi ricchi di magnesio come piselli, verdure dalla foglia verde, frutta secca e il cacao amaro.
  • può essere benefico l’assunzione di integratori alimentari, come sali e vitamine, o si può ricorrere a rimedi naturali come tisane rilassanti tipo la camomilla e la melissa.
  • praticare stretching, yoga o danza del ventre può essere un metodo valido per rilassare i muscoli del basso ventre.
  • fare un bagno caldo o usare di una borsa dell’acqua calda, posizionandola sulla zona dolorante.

Paliativi